MANGONE – “Cento fotografie per un fiume e la sua valle dall’obiettivo di Franco

 

Interessante mostra al Centro Congressi Telematico di Piano Lago organizzata dalla Comunità  montana del Savuto.

 

 Una panoramica della sala durante il Convegno.

 

 Il Tavolo dei relatori (foto G. Bevacqua).

L’evento propone un apprezzabile lavoro fotografico del professor Franco Rose su alcuni dei luoghi più suggestivi della zona. Flora, fauna, paesaggi, vecchi casolari, trovano spazio in una collezione che ha riscontrato critiche positive sia per la bellezza delle immagini, sia per la bravura dello stesso autore che ha saputo immortalare cose e luoghi attraverso i colori delle stagioni proponendo situazioni di grande fascino e suggestione. “La storia dei fiumi fa parte del nostro vissuto collettivo e forse del nostro immaginario – ha spigato Rose – siccome io sono nato nel Savuto, ho visto, ho percepito anche tentativi che venivano veicolati nel nome formale del progresso, ma nel nome più sostanziale del profitto, allora questi tentativi di aggressione mi hanno spinto a dare alla gente la conoscenza di quello che abbiamo. Moltissime persone che vivono o che hanno vissuto nei paesi del Savuto non conoscevano questi posti. Il progetto nasce da questa idea: sapere come conoscenza”. E il “Sapere dell’Acqua”, appunto, è stato il titolo del convegno su un’ipotesi eco-ambientale del Savuto, collegato alla iniziativa e promosso dalla Comunità  montana del Savuto e dall’Università  della Calabria – Dipartimento di Ecologia, tenutosi sabato scorso presso il Centro Telematico di Piano Lago, alla presenza dei professori Maria Beatrice Bitonti (Direttore Dipartimento Ecologia Unical), Pietro Brandmayr (Ordinario di Zoologia Unical), Stefano Scalercio (Ricercatore Unical) e Franco Rose (autore delle fotografie e biologo). All’evento sono stati presenti pure il presidente della Comunità  montana del Savuto, Anna Aurora Colosimo, il parlamentare Giacomo Mancini, il consigliere regionale Mario Pirillo, sindaci ed amministratori della zona, professionisti e uomini di cultura. Le fotografie del professor Franco Rose resteranno fruibili al pubblico ancora per qualche giorno, poi saranno inserite in un libro completo di indicazioni che verrà  realizzato e distribuito dalla Comunità  montana roglianese.

Gaspare Stumpo

gasparestumpo@libero.it

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com