E ora di dare più potere alle Comunità  montane

Nuova presa di posizione di Francesco Naccarato (Cgil)

Il sindacalista Francesco Naccarato, rappresentante dei lavoratori precari presso l’Ente montano del Savuto, critica le scelte dell’assessorato regionale alla Forestazione e Protezione civile relative all’assegnazione, in comodato d’uso, di alcuni mezzi ad associazioni di volontariato dislocate sul territorio calabrese.

In una nota, rivolgendosi anche all’attuale assessore Dionisio Gallo, Naccarato spiega “che nei mesi scorsi, le comunità  montane insieme ai lavoratori lsu/lpu manifestarono con forza, affinché venisse stracciato il famoso decreto Omnibus, cosa che la Regione Calabria fece collocando le comunità  montane nello Statuto regionale”.

“All’interno di questi enti – ricorda  il sindacalista – sono collocati centinaia di lavoratori lsu/lpu i quali aspettano con ansia una sistemazione stabile e duratura dal lontano 1995 continuando a vivere con una miseria”.

“La Comunità  montana del Savuto – scrive ancora Naccarato – grazie al forte interesse del presidente Colosimo, nei giorni scorsi con fondi propri di bilancio e senza l’aiuto di nessuno ha acquistato un mezzo multifunzione spalaneve e macchina spargisale, per cercare di garantire ai comuni del comprensorio un servizio almeno per i mesi più critici”.

Francesco Naccarato ribadisce quindi che “è ora di dare più potere alle comunità  montane, dando loro o meglio restituendo loro le famose deleghe protezione civile e forestazione, dando così sblocco ai tanti lavoratori per un’eventuale stabilizzazione, cosa che può avvenire senza la restituzione di queste”.

Nello stesso documento di ieri il rappresentante dei precari annuncia una serie di iniziative sul territorio per l’ottenimento delle richieste.

 

                                                                   Gaspare Stumpo

 

 

Nella foto, in alto: Francesco Naccarato

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com