Un altro Savuto è possibile: “è stato realizzato un sogno”.

Il tutto corredato dalla coreografia che madre natura ha offerto in modo gratuito

E’ stato realizzato un sogno, un sogno che covava da diverse generazioni, ma che nessuno ha mai saputo realizzare.

Potrebbe essere questa la lettura da dare a quello che è successo nei giorni 20, 21 e 22 agosto 2004 nella zona del fiume Savuto chiamata <Pontenuovo>, in territorio di Marzi (Cs).

Con la manifestazione <Un altro Savuto è possibile> si è voluto far risaltare gli scempi perpetrati a danno del fiume Savuto ricalcando gli errori fatti dai nostri politici (siano essi di destra o di sinistra) nell’arco di decine di anni, portando allo stremo quella che è sempre stata l’isola felice della zona, il fiume Savuto, appunto.

Con caparbietà , rischio, fiduciosi nel possibile successo dell’impresa, i giovani del Social Forum di Rogliano <Savuto Antagonista> hanno realizzato un ottimo Dvd, documentando tutto quello che non si doveva fare a discapito del fiume, ma anche una mostra fotografica per evidenziare gli aspetti salienti del degrado ambientale prodotto da scarichi abusivi, scarichi ospedalieri, fogne a cielo aperto, depuratori non funzionanti, captazioni delle acque per centraline idroelettriche, cementificazioni selvagge.

Il tutto corredato da una coreografia che madre natura ha offerto in modo gratuito a chi ha assistito a questo evento che è voluto essere la rampa di lancio per sensibilizzare tutti quelli che hanno a cuore le sorti del fiume Savuto.

Durante la manifestazione, che è stata supportata dai concerti  di sei gruppi rock, tra i quali i K Byte e i Kunsetia, hanno ben funzionato gli stand della birra e della gastronomia.

Un plauso va alla Comunità  montana del Savuto e alle Amministrazioni comunali di Marzi e Belsito, che hanno appoggiato l’iniziativa impegnandosi fin da subito affinché l’iniziativa possa decollare negli anni a venire.

 

Tonio Costanzo

 

Nella foto, sopra: il fiume Savuto.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com