Claudio Lolli a Cosenza dopo oltre trent’anni

L’artista emiliano ha cantato nello spazio coperto di Piazza Matteotti

Fedele come sempre al suo stile di vita ed alle sue idee, Claudio Lolli anche stavolta non ha tradito il suo modo di rapportarsi con la musica, i testi e sopprattutto con il pubblico che da più decenni continua a seguirlo con interesse. Il cantautore bolognese domenica scorsa si è esibito nello spazio coperto di Piazza Matteotti. Mancava dalla città  bruzia da oltre trent’anni (allora cantò in un piccolo appartamento assieme agli Area,) nonostante in Calabria fosse tornato più volte negli anni a venire. Un concerto per soli appassionati, organizzato nell’ambito della Festa della Rinascita promossa dal Partito dei Comunisti Italiani. Una presenza, quella di Lolli, che a Cosenza è risultata gradita agli amanti della riflessione, della poesia e di un certo modo di ascoltare musica e parole. Così è stato pure in questa circostanza. L’evento si era aperto con una breve introduzione del cosentino Maurizio Esposito. Poi, fogli o libri in mano (quando non si è avvalso della chitarra) Lolli ha saputo creare un’atmosfera soft, carica di ricordi e quasi d’altri tempi, intellettuale, dove, ovviamente, non sono mancati nè l’elemento ideologico, né il collegamento con il presente e l’attualità . L’artista emiliano ha suonato, cantato, recitato, spiegato, a volte ironizzato. Gli astanti lo hanno seguito, applaudito, quasi incantanti quando la sua voce ha “abbracciato” il suono prodotto dalla chitarra del bravissimo maestro Paolo Capodacqua. Un concerto suddiviso in due parti: una “riflessione sul potere” e una parentesi dedicata all’amore “orizzontale” e all’amore“verticale”. Canzoni vecchie e nuove: da La fine del cinema muto, passando per Analfabetizzazione, La ballata del Pinelli, Adriatico, Dita e Quando la morte avrà . Poi un finale classico con Anna di Francia, Ho visto anche degli zingari felici e Borghesia e post concerto carico di commenti, saluti e cordialità .                                                               

                                                                 Gaspare Stumpo

 

 

Nelle foto: alcuni momenti del concerto di Claudio Lolli a Cosenza

 

 

 

 

 

 

 

 

                     Maurizio Esposito                                            Paolo Capodacqua   

 

Il pubblico                                                     Lolli con il  gruppo del Savuto                                     

 

 

 

 

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com