“Urgono interventi urgenti per il territorio

Dopo il nubifragio gli amministratori del Savuto chiedono aiuti concreti

E’ quanto è stato ribadito  nel corso di un incontro che si è tenuto mercoledì mattina a Rogliano tra amministratori locali e provinciali sulla problematica che in questi giorni ha interessato le diverse aree del comprensorio. Alla riunione hanno partecipato gli assessori provinciali Arturo Riccetti (Viabilità ) e Ferdinando Aiello (Servizi Sociali), il presidente della Commissione provinciale Viabilità  Pietro Lecce, i consiglieri provinciali Marino Reda e Giuseppe Gallo, i sindaci Pietro Oliveti (Rogliano), Daniele Maletta (Scigliano), Antonio Riga (Parenti), Raffaele Rizzuto (Colosimi), Giuseppe Cuccomarino (Marzi – Comunità  montana del Savuto) e Mario Mafredi (Carpanzano), l’assessore roglianese alla Protezione civile Roberto Tosti e il responsabile della Cgil per il Savuto Aurelio Benigno. I presenti hanno discusso dello stato del territorio all’indomani del violento nubifragio che ha provocato, ricordiamo, seri danni in molte località  rurali e riaperto la questione del risanamento idrogeologico della frazione Balzata, dove risiedono circa trecentocinquanta famiglie. Sulle ferite prodotte dal recente maltempo i presenti hanno auspicato la dichiarazione dello stato di calamità  naturale da parte del Consiglio dei Ministri. “Siamo con le spalle al muro – ha detto il sindaco Oliveti. Per far fronte alla grave situazione servono fondi che né la Regione, né tanto meno la Provincia sono in grado di elargire. Solo lo Stato può mettere mano al portafoglio e finanziare le opere più urgenti e necessarie alla messa in sicurezza dei luoghi”. Nel corso dell’incontro gli amministratori hanno sostenuto pure l’esigenza di un maggiore raccordo tra le istituzioni locali, quindi la richiesta dello sblocco dei fondi inerenti alla relativa misura del Por Calabria da indirizzare alla programmazione e agli interventi sulle zone classificate R4 (ad alto rischio) all’interno del Piano di Assetto Idrogeologico. Di gestione della viabilità , dei trasferimenti di risorse e utilizzo del personale ha parlato invece il responsabile della Camera del Lavoro del Savuto, Aurelio Benigno, che su questi temi ha sollecitato l’avvio di una vera e propria vertenza territoriale. L’esponente della Cgil si è soffermato infatti su quanto a suo avviso attiene ad un qualificato utilizzo dei lavoratori forestali e del personale socialmente utile e di pubblica utilità  (che ha contribuito fattivamente nell’emergenza maltempo) e che a suo giudizio, sul territorio, può rappresentare molto in termini di apporto umano e professionale. Sul fronte della viabilità , infine, il sindaco di Parenti, Antonio Riga, ha chiesto alla Provincia una soluzione che consenta di adeguare l’ordinanza che ad oggi vieta il transito dei mezzi pesanti sulla ex statale 535 all’altezza di Balzata. Tra questi i pullman di linea che per raggiungere la città  di Cosenza, a causa di una frana sono costretti a percorrere strade alternative, con tempi particolarmente lunghi per gli utenti. “La Provincia farà  tutto quello che è nelle sue possibilità ” – hanno affermato dal canto loro gli interessati, che sulla problematica sopraggiunta hanno confermato l’impegno del presidente Mario Oliverio e della sua Amministrazione.

                                        

                                                               Gaspare Stumpo

 

Nella foto, sopra: l’incontro roglianese.

 

Sotto: frane in località  <Mola> e in località  <Aguiliano-Pianetto Zanco> di Rogliano.

 

        

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com