La Conferenza dei sindaci chiede attenzione per il Savuto

Territorio in ginocchio a causa del maltempo
L’incontro, che si è tenuto presso la sede della Comunità  montana, è servito a fare il punto sulla situazione inerente alle carenze infrastrutturali venutesi creare negli ultimi tempi sul territorio a causa delle avverse condizioni atmosferiche. La Conferenza ha approvato anche un documento in cui sono state evidenziate le diverse emergenze che hanno colpito i comuni della vallata, con particolare riferimento all’alluvione del novembre 2004 e alle abbondanti quanto costanti nevicate di gennaio e febbraio 2005. Un insieme di eventi “che hanno messo in ginocchio le amministrazioni locali, che – si legge in una nota della CMS – a fronte di accadimenti sicuramente eccezionali e pur attivando con solerzia le proprie strutture, non sono state in grado da sole di fornire risposte alle problematiche emergenti e non sempre hanno potuto contare sull’intervento dei livelli istituzionali più alti”. Secondo gli interessati “lo scenario che oggi si registra vede un territorio sempre più debole ed un livello di vita delle comunità  sempre più precario, ove anche i servizi essenziali atti a garantire una qualità  minima ed irrinunciabile di vita sociale, lungi dall’essere potenziati, rischiano di venire a mancare del tutto”. Nel documento diffuso ieri la Comunità  montana ha elencato i punti di crisi e lo stato di precarietà  idrogeologico presenti sul territorio, soprattutto per quanto concerne la viabilità  interna che necessita di seri interventi o di soluzioni alternative e moderne. Tutto questo “per togliere – spiegano gli amministratori – dall’isolamento i piccoli comuni montani, l’urgenza di favorire mobilità  delle popolazioni, facilitare i rapporti con il centro di riferimento che è la città  capoluogo e l’Università  della Calabria e realizzare un sistema efficace di trasporti all’interno dell’area urbana di cui sicuramente il Savuto fa parte per contiguità  di territori e per condivisione dei servizi”. “Purtroppo – sostengono i rappresentanti della Conferenza – nonostante le continue sollecitazioni, le istanze rivolte ai vari livelli istituzionali non trovano da anni risposte concrete. Per tutti, illuminante per al sua paradossale evidenza, è l’esempio della realizzazione della strada Medio Savuto” il cui completamento non è stato ancora inserito nell’accordo di programma 2002. La Conferenza chiede pertanto “una maggiore attenzione sulle problematiche di questo comprensorio, troppo spesso sottovalutate o affrontate con l’approssimazione del giorno per giorno, del tamponare un’emergenza che nel tempo si è consolidata ed è divenuta situazione di normalità ”.
 
Gaspare Stumpo
 
 
Nella foto: situazione di grave dissesto idrogeologico sul versante sinistro del fiume Savuto in località  <Ponte Tosto> di Balzata (Rogliano).

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com