E’ subito Benedetto XVI°

“Un semplice e umile lavoratore nella Vigna del Signore”
Il Cardinale Joseph Ratzinger, 78 anni, tedesco, Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, è stato eletto Papa al quarto scrutinio dagli eminentissimi Cardinali riuniti in Conclave. Dal comignolo della Cappella Sistina la fumata bianca è venuta fuori alle ore 17.50 di ieri. Un quarto d’ora più tardi il suono delle campane della Basilica di San Pietro ha confermato l’avvenuta elezione del nuovo Pontefice. Dopo emozionanti minuti di attesa è stato il cardinale cileno (proto diacono) Arturo Medina Estevez a pronunciare l’habemus Papam, quindi il nome del successore di Karol Wojtyla, che si chiamerà  Benedetto XVI°. L’elezione di Ratzinger alla guida della Chiesa Universale ha prodotto applausi in una gremitissima Piazza San Pietro e gioia in tutto il Mondo. Poi l’affaccio del nuovo Papa e alle ore 18.50 la benedizione Urbi et Orbi. “Sono un semplice e umile lavoratore nella Vigna del Signore” ha detto Benedetto XVI° alla folla romana ed ai fedeli collegati in diretta planetaria attraverso radio e televisioni. “Sarà  il Papa della pace – ha affermato oggi il cardinale di Vienna Christopher Schoenborn –  perché la scelta del nome, Benedetto che noi proprio non ci aspettavamo, ha fatto riferimento allo sforzo di Benedetto XV° per cercare la pace, uno sforzo che ha avuto poco successo. L’accenno va anche però a San Benedetto, Patrono d’Europa e maestro nel seguire le orme di Cristo. La regola di San Benedetto dice di non anteporre nulla a Cristo. Ecco, pace e centralità  della figura del Cristo saranno i punti cardine sui quali si muoverà  questo Papa”. L’elezione del Sommo Pontefice è stata vissuta con grande intensità  anche nelle diverse comunità  della valle del Savuto, dove, per l’occasione suono delle campane e momenti di preghiera si sono succeduti in quasi tutte le chiese sparse sul territorio.
 
R.S.
 
 
 
Nella foto: Benedetto XVI°

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com