Presentato il libro del professor Giuseppe Egidio Sottile

Presenze qualificate all’evento culturale dei giorni scorsi
Viaggio nel tempo e nei luoghi della memoria supportato da belle foto e soprattutto dal significato dei nomi attribuiti ai diversi angoli del paese, compreso quelli meno conosciuti o più lontani. E’ questo, in sintesi, il risultato di un lungo ed articolato lavoro di ricerca avviato e portato a termine dal professor Giuseppe Egidio Sottile. Il volume ‘Luoghi di Rogliano tra etimologia e storia’ (Atlantide Edizioni) è stato presentato domenica scorsa, all’interno del museo di arte sacra, alla presenza del sindaco Pietro Oliveti, dei parlamentari Tonino Gentile e Giacomo Mancini, dell’assessore provinciale Ferdinando Aiello, del consigliere provinciale Giuseppe Gallo, del presidente della Comunità  montana del Savuto, Anna Aurora Colosimo, di numerosi altri amministratori locali e rappresentanti delle associazioni. A questi si sono aggiunti i professori Eugenio Maria Gallo e Leonardo Falbo, l’attore e poeta Antonio Simarco, la signora Geltrude Buffone Guarasci, diversi esponenti del mondo del giornalismo e della cultura. Un pubblico qualificato che ha confermato, nell’occasione, sentimenti di stima nei confronti dell’autore e della sua pubblicazione. Sottile ha raccontato i rioni che formano il vecchio nucleo urbano dalla caratteristica forma a ferro di cavallo, i luoghi del contado, gli antichi ponti sul fiume Savuto tra storia, mito e leggenda. L’intellettuale roglianese ha ripercorso la storia dei rioni intrecciandola con quella delle famiglie e dei personaggi illustri ad essi legati, fornendo in modo dettagliato nomi e significati etimologici, senza tralasciare arte e architettura delle chiese che da sempre hanno rappresentato un punto di riferimento importante per la storia civile e religiosa della città . “Così ­ scrive Eugenio Maria Gallo ­ il ritorno alla Rogliano del passato, nel lavoro del professore Sottile, partendo da Cuti, si snoda in un itinerario che, attraverso vie, vicoli, rughe e viuzze, tocca il mitico quartiere spagnolo, risale alla Rota e restituisce intatte le dimensioni del paese e le linee e la misura dell’affascinante borgo d’arte d’un tempo”. Il professor Giuseppe Egidio Sottile, studioso di canto e appassionato di tradizioni popolari, ha frequentato gli studi classici all’Università  La Sapienza in Roma. Per anni ha insegnato nelle scuole e collaborato con i quotidiani Il Tempo, Il Giornale D’Italia, Il Secolo D’Italia e la Gazzetta del Sud. Il convegno di presentazione del libro è stato coordinato da Rossella Guzzo Foliaro.
Gaspare Stumpo
 
Nelle foto: alcuni momenti della manifestazione.
 
  
 
  
 
  
 
Il professor Giuseppe Sottile
 
  
 
La splendida cornice del Museo Cittadino di Arte Sacra di Rogliano
 
  
 
***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com