Savuto, tempo di vendemmia e produzione del vino

Rogliano, alla ‘cantinella’ dell’Onorevole il lavoro è a buon punto
Autunno, tempo di vendemmia e produzione del vino. Un rito antichissimo che si tramanda di generazione in generazione, grazie al quale, il vino per tutto l’anno allieta pranzi e cene, momenti di festa e giornate amene. Nel Savuto la coltivazione della vite e la tradizione del vino si fanno risalire addirittura al tempo degli Antichi Romani. Nella nostra zona, come nel resto della Calabria, il vino ha assunto da sempre un significato importante, soprattutto se accostato alla buona cucina, con riferimenti storici e gastronomici di grande apprezzamento. A Rogliano e nei paesi del comprensorio, in questi giorni l’aria profuma d’uva e mosto. In molti sono impegnati nella produzione dei vini. Anche nel locale attiguo alla famosa ‘cantinella’ dell’Onorevole Pierino Buffone, luogo di ritrovo e discussione, sono in corso le operazioni di vinificazione. Da queste parti, come sempre, l’ospitalità  è di casa e gli amici impegnati nella pigiatura ci inviato ad entrare. Tra di loro ci sono anche alcuni emigrati canadesi. In questa parte del centro storico il profumo dell’uva si mescola a quello aromatico della vicina cucina. Il lavoro è ormai a buon punto. E’ tempo di fermentazione. Le vecchie botti fra qualche tempo regaleranno un ottimo vino d’annata. E soprattutto momenti di intensa convivialità  tanto cari all’anziano ex parlamentare, sempre pronto ad accogliere nel suo ‘cenacolo’ del centro storico amici, ospiti e gente importante.
 
F. L.R.
 
Nelle foto: un momento della pigiatura delle uve nel locale attiguo alla ‘cantinella’.
 
  
 
  
 
***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com