Agevolazioni alle imprese: mozione di Salvatore Magarò

Per favorire lo sviluppo e l’occupazione in Calabria

Salvatore Magarò, coordinatore del Pse-Lista Mancini e consigliere regionale della Calabria di Unità  Socialista, ha presentato una mozione al Consiglio regionale in ordine all’inserimento nel Documento di programmazione economica e finanziaria di una norma che, nell’ambito della concessione di agevolazioni finanziarie, dia priorità  a quelle imprese che operano nel rispetto delle norme e che osservano in maniera rigorosa i contratti di lavoro.
 
“La Regione – scrive nella mozione Salvatore Magarò – con l’ausilio delle risorse erogate dallo Stato e dalla Comunità  Europea, ha provveduto e provvederà  ad incentivare nuovi investimenti imprenditoriali sul territorio con l’obiettivo di favorire lo sviluppo e l’occupazione in Calabria attraverso la concessione di agevolazioni finanziarie. Si rende tuttavia necessaria un’attenta attività  di vigilanza affinché le risorse assegnate a fondo perduto o a tasso agevolato non vadano disperse ma vengano destinate ad imprese meritevoli del sostegno pubblico in grado di garantire anche una positiva ricaduta sui livelli occupazionali. Da una recente indagine condotta a livello nazionale la Calabria è risultata essere una delle regioni nella quale è maggiormente dilagante il fenomeno del lavoro nero. Le agevolazioni finanziarie tese a promuovere nuovi insediamenti produttivi, oltre a rappresentare un insostituibile strumento per lo sviluppo economico e per il sostegno alla crescita occupazionale, devono costituire anche un efficace supporto all’azione di contrasto della illegalità  diffusa che si registra in alcuni settori dell’economia calabrese. Inoltre va sottolineato che la lotta all’emersione del lavoro sommerso produce benefici effetti sul processo di integrazione di immigrati ed extracomunitari”. Per questi motivi Salvatore Magarò ha presentato una mozione in consiglio regionale che impegni la Giunta “ad inserire nel documento di programmazione economico e finanziaria una norma che dia la priorità  nel sistema delle incentivazioni a quelle imprese che operano nel pieno rispetto delle normative che regolano il rapporto di lavoro e che osservano in maniera rigorosa i contratti di lavoro, così da contrastare il fenomeno del lavoro sommerso che, unitamente alle tante piccole e grandi illegalità  quotidiane che si registrano in Calabria, finiscono per produrre effetti sociali perversi, assuefazione, rassegnazione”.
 
***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com