Inaugurazione sezione della Rosa nel Pugno

A Malito, nel Savuto, la prima iniziativa del genere in Italia

Ha già  un significato particolare l’iniziativa politica che nei prossimi giorni porterà  alla inaugurazione della prima sezione in Italia della cosiddetta Rosa nel Pugno, il simbolo che lega socialisti, liberali e radicali. L’evento avverrà  a Malito, piccolo paese dell’entroterra cosentino che dette in natali a Pietro Mancini, primo deputato socialista della Calabria e della Lucania, fondatore del Socialismo meridionale e membro dell’Assemblea costituente. La nascita della prima sezione in Italia della Rosa nel Pugno nel piccolo centro della valle del Savuto non sarà  dunque un caso e per questo costituirà  un avvenimento di grande importanza simbolica per le diverse anime laiche del nuovo soggetto politico nazionale. “Da questa zona della Calabria – scrive il Mario Guzzo Foliaro – il movimento socialista, da più di un secolo, ottiene la forza di importanti consensi e il contributo di dinamiche intelligenze tra le quali ha primeggiato quella di Giacomo Mancini che, da questi luoghi, ha iniziato la sua lunga e fervida attività  politica che lo portò alla guida del Psi”. “Oggi – aggiunge il sindaco socialista di Malito – noi vogliamo sostenere lo sforzo profuso da Enrico Boselli, consapevoli che i socialisti, grazie all’alleanza strategica con i radicali, possono tornare ad essere protagonisti in Italia”. Alla inauguazione della prima sezione della Rosa nel Pugno, che avrà  luogo il 5 dicembre prossimo presso il cinema Giuseppe De Rose, con inizio alle ore 17, saranno presenti il senatore Gerardo Labellarte (responsabile enti locali dello Sdi) e i parlamentari Giacomo Mancini, Cesare Marini e Mimmo Pappaterra.

G.S.

Nella foto: il sindaco socialista di Malito, Mario Guzzo Foliaro.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com