Consegnati i premi della rassegna di poesie ‘Città  di Rogliano’

Importante cerimonia presso il nuovo teatro cittadino
Rinnovato anche quest’anno l’appuntamento con la poesia a Rogliano. Cittadini, poeti, aspiranti tali, commissione esaminatrice e curiosi si sono ritrovati nel nuovo Teatro comunale per la cerimonia di premiazione della rassegna di poesia “Città  di Rogliano”, giunta ormai alla sua settima edizione. Cospicua la presenza di autorità  cittadine e non nella commissione esaminatrice, composta, oltre che dai due presidenti di giuria, dott.ssa Anna Chiara Monardo e, per la sezione ragazzi, Antonio Simarco, dal sindaco Pietro Oliveti, dall’assessore alla cultura Mario Canino, dal consigliere provinciale Marino Reda e dal prof. Eugenio Maria Bartolo Gallo. Due le categorie previste dalla gara promossa dall’amministrazione comunale e patrocinata dalla Provincia e dalla regione Calabria: ragazzi e poesia inedita. Per la prima sezione, tanti i ragazzi delle scuole premiati; per la categoria inedita le tre poesie prescelte dalla giuria sono state: La favola moderna di Luigi Ponterio, in versi dialettali, Vagabondo cerco, di don Antonio Staglianò, e L’ineguagliabile viaggio, di Giuliana Franco. Numerosi i “Premi speciali 2005”, assegnati tra i partecipanti alle passate edizioni della rassegna poetica, scelti dalla giuria per la loro capacità  di mostrare, attraverso il poetare, scorci di vita vissuta.  I premi, targhe confezionate appositamente da maestri ceramisti roglianesi e pergamena, sono stati consegnati dalle autorità  presenti. Motivi ricorrenti dei componimenti sono stati: l’amore per il luogo natio, la memoria, l’amore, la guerra.  Un successo longevo, quello di questo concorso, parte del programma culturale promosso dall’amministrazione roglianese, che ne conferma, come ha ben espresso il prof. Gallo, la vera essenza: “non un semplice premio di poesia, ma un viaggio nell’anima di ciascuno, teso a scoprire se stessi”.
 
Assunta Cristello
 
 
Nella foto (Garofalo) in alto: il vice sindaco Canino premia don Antonio Staglianò.
 
Sotto (foto Cristello): il tavolo dei relatori.
 
 
***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com