Cosenza: Magarò interviene su crisi idrica

Prioritario il problema dell’acqua

“La crisi idrica che affligge la città  di Cosenza e l’area urbana, determinata in particolare dalle continue rotture cui è soggetto il fatiscente acquedotto dell’Abatemarco, non è più tollerabile dai cittadini. Ed è per questo che è necessario intervenire in maniera concreta per porre rimedio ad una situazione di estremo disagio per la popolazione, costretta a convivere quotidianamente con la carenza d’acqua spesso anche per periodi prolungati”. Lo ha affermato Salvatore Magarò, consigliere regionale della Calabria della Rosa nel Pugno intervenendo quest’oggi ai lavori della Prima Commissione, cui erano presenti anche l’Assessore Regionale Luigi Incarnato ed i vertici della Sorical, la società  che gestisce il ciclo delle acque nel territorio calabrese. “In alcune zone della città , infatti – ha aggiunto Magarò – l’acqua giunge ai rubinetti con il contagocce e soltanto per poche ore nell’arco della giornata, costringendo migliaia di famiglie a dotarsi di un impianto autonomo di autoclave.  Una situazione di grave difficoltà , avvertita anche in altre aree della nostra regione. Peraltro, ad un servizio inefficiente spesso corrispondono tariffe eccessive che gravano sulle tasche dei calabresi. Ed è per questo – ha concluso il consigliere regionale della Rosa nel Pugno – che è necessario intervenire efficacemente per garantire un pieno e funzionale riequilibrio delle risorse idriche sul territorio, obiettivo che deve rappresentare una priorità  dell’agenda politica del governo regionale”.
 
***
 
Nella foto: il Consigliere regionale Salvatore Magarò.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com