Presentato il Sit per la gestione del Catasto Incendi

Interessante iniziativa della Comunità  montana del Savuto
IL PROGETTO , avviato su delega dei diciassette comuni associati, è stato attuato per far fronte agli adempimenti previsti dalla Legge quadro n° 343/2000 in materia  di previsione, prevenzione e lotta agli incendi boschivi. Il Sistema Informativo, strutturato in banca dati (ambiente Gis) consente l’individuazione, la perimetrazione e la rappresentazione cartografica delle aree interessate dal fuoco negli ultimi cinque anni, sottoposte a divieti di carattere urbanistico edilizio. Il nuovo strumento sarà  aggiornato annualmente mediante l’inserimento di nuove informazioni. L’idea è quella di tenere aggiornata la banca dati composta soprattutto da immagini satellitari e carte tematiche. Un lavoro che “comporta dei costi di una certa entità  da parte della Comunità  montana, che si spera possano trovare copertura nei fondi previsti dalla legge n° 97/94 sulla montagna”. Va ricordato, a tal proposito, che il territorio della Cms, comprendente diciassette comuni classificati montani, vanta una estensione di 393,79 Kmq, dei quali il 75% riguarda superficie agraria forestale con un indice di boschività  (rapporto tra superficie forestale e superficie totale) del 48,1% e una potenzialità  produttiva dei boschi tra le più alte della regione. Sono molti, del resto, i siti di particolare interesse paesaggistico-ambientale, ricadenti proprio nell’area della Comunità  montana del Savuto. Il Sit del Catasto Incendi Boschivi è stato presentato nei giorni scorsi durante un convegno dal titolo “Difendere e conservare il patrimonio boschivo – Prevedere e prevenire il rischio incendi” – che si è tenuto presso il Centro Congressi di Piano Lago. Alla iniziativa sono intervenuti, tra gli altri, il presidente dell’Amministrazione provinciale di Cosenza, Mario Oliverio, l’assessore regionale all’Agricoltura, Mario Pirillo, il presidente dell’Ente Montano, Anna Aurora Colosimo, amministratori locali, tecnici ed esperti di settore. Tutti hanno speso parole di apprezzamento per questo che rappresenta un progetto pilota in Calabria. Il Sit per la gestione del catasto Incendi Boschivi è consultabile sul sito web della Comunità  montana (www.cmsavuto.it). L’iniziativa dalla Cms costituisce un primo archivio di dati per la pianificazione territoriale dell’area del Savuto. Lo scopo dell’Ente “è quello di implementare ed estendere il data base per consentire ulteriori applicazioni sempre in ambiente Gis, come ad esempio la gestione dei piani intercomunali di protezione civile e la gestione degli strumenti urbanistici comunali”.
 
Gaspare Stumpo
 
 
 Fonte della Notizia
 
Nelle foto: alcuni momenti dell’iniziativa.
 
 
 
 
***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com