Ponticello non transitabile? Ci pensano gli emigrati

Sistemazione provvisoria per il giorno di Ferragosto

 

La storia della piccola infrastruttura situata alla confluenza tra il torrente Lara ed il fiume Savuto, in località Ponte Nuovo, nei pressi dell’ex Statale 19, è tra quelle più volte segnalate sulle pagine di questo giornale. Non solo per il lungo periodo di tempo trascorso dal suo parziale crollo, avvenuto in seguito al violento nubifragio del novembre 2004, ma anche per la totale indifferenza delle istituzioni in merito all’intervento di manutenzione straordinaria necessario al suo totale ripristino. Il ponticello consente, infatti, l’accesso ad un’ampia area fluviale compresa tra i comuni di Marzi, Carpanzano e Belsito, molto suggestiva sul piano naturalistico e per questo meta preferita di appassionati di pesca sportiva ed equitazione. La zona occupa un posto importante soprattutto nelle preferenze di residenti e turisti (fra i quali molti emigrati) durante il periodo estivo, in quanto luogo ameno fortemente legato alla storia del fiume Savuto. Decisi a trascorrere il Ferragosto nella migliore tradizione locale, all’insegna della buona gastronomia, un gruppo di emigrati ha pensato di riunirsi e provvedere alla sistemazione del ponticello, onde rendere quest’ultimo transitabile, almeno provvisoriamente. Il tutto, ovviamente, in attesa che vengano poste in essere concrete azioni di restauro della struttura e progetti ad hoc per il contesto ambientale adiacente, mirati alla migliore fruizione ed alla salvaguardia del territorio. Sarebbe questo, finalmente, un primo e rilevante segnale rispetto alla scadente retorica che da diverso tempo, ormai, anche da queste parti continua ad interessare il dibattito sulle potenzialità legate al paesaggio ed al conseguente sviluppo agro-turistico del comprensorio.

 

Gaspare Stumpo

 

 

 

Nella foto: la sistemazione provvisoria del ponticello operata nei giorni scorsi.

.

 

Fonte della Notizia

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com