Addio Facchetti, esempio concreto per le nuove generazioni

E’ stato tra i primi grandi calciatori moderni del Dopoguerra

 

 

Il Presidente, i Dirigenti, i soci del Club Inter ‘E. Ambrogio’ di Rogliano – unitamente ai tifosi nerazzurri e a tutti gli sportivi della valle del Savuto, si uniscono a quanti, in queste ore, piangono la prematura scomparsa del Caro Presidente Giacinto Facchetti, indimenticabile campione e diciannovesimo Presidente dell’Inter. “Siamo vicini alla Famiglia Facchetti e ci uniamo al dolore già espresso dal dottor Massimo Moratti e da tutto popolo nerazzurro. Giacinto Facchetti, esempio di stile e correttezza, resterà nella storia dello sport italiano e nei cuori di quanti lo hanno amato ed apprezzato come uomo, calciatore e dirigente”.

 

La morte di Giacinto Facchetti ha provocato una lunga serie di reazioni: dal mondo politico-istituzionale, al mondo dello sport e della società più in generale. Di seguito Vi proponiamo il messaggio del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e del Patron dell’Inter, Massimo Moratti.

 

 

Il messaggio del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

 

“Partecipo commosso al profondo dolore della famiglia per la morte di Giacinto Facchetti, uno dei maggiori protagonisti della storia dello sport italiano. Resta di esempio per le nuove generazioni l’attaccamento ai valori di lealtà e di agonismo che hanno fatto di lui un grande campione e manager.  Simbolo dello sport italiano ha saputo dimostrare nel corso della sua lunga carriera non soltanto le doti tecniche di calciatore ma anche la correttezza, la compostezza e la professionalità come dirigente. La morte di Facchetti rappresenta una grave perdita per il calcio e per lo sport italiano”.

 

 

 

Il messaggio del Dottor Massimo Moratti.

 

“Caro Cipe, non sono riuscito a dirti quello che volevo, per paura di farti capire che il tempo era inesorabile e la malattia terribile. Scusami, ma credo che ti debba ringraziare soprattutto per la pazienza che hai sempre avuto con me. Per i tuoi occhi che sorridevano, fino alla fine, ai miei entusiasmi o all’ironia con cui cercavo di superare insieme a te momenti difficili.
Pochi giorni fa, pochissimi, mi parlavi con un filo di voce – e con l’espressione di chi ti vuole bene – dell’Inter, proiettando il tuo pensiero in un futuro che andava oltre le nostre povere, ignoranti, possibilità umane. Qualche mese fa ti chiedevo un po’ scherzando un po’ sul serio come mai non riuscivamo ad avere un arbitro amico, tanto da sentirci almeno una volta protetti, e tu, con uno sguardo fra il dolce e il severo, mi rispondesti che questa cosa non potevo chiedertela, non ne eri capace. Fantastico. Non ne era capace la tua grande dignità, non ne era capace la tua naturale onestà, la sportività intatta dal primo giorno che entrasti nell’Inter, con Herrera che ti chiamò Cipelletti, sbagliandosi, e da allora, tutti noi ti chiamiamo Cipe. Dolce, intelligente, coraggioso, riservato, lontano da ogni reazione volgare. Grazie ancora di aver onorato l’Inter, e con lei tutti noi”.

 

 

* FACCHETTI, SIMBOLO DEL CALCIO MONDIALE.

Giacinto Facchetti nasce a Treviglio, in provincia di Bergamo, il 18 luglio 1942. Inizia a giocare a calcio nella squadra del suo paese, ma è portato per lo sport in generale, infatti ottiene buoni risultati anche nei campionati giovanili di atletica leggera. Già a sedici anni è un promesso campione del pallone, conteso dall’Atalanta, la società di Bergamo, e dall’Inter che, alla fine, si aggiudica il ragazzo dal fisico poderoso e che, in maglia nerazzurra, diventerà una leggenda. Facchetti esordisce nel massimo Campionato italiano di calcio il 21 maggio 1961 allo stadio “Olimpico” di Roma: l’Inter vince 2-0. La domenica dopo, a Milano contro il Napoli, Facchetti segna il primo dei 59 gol realizzati con la maglia nerazzurra. E’ Helenio Herrera, l’allenatore dell’Inter più forte di sempre, dell’Inter che ha saputo vincere scudetti, Coppe Campioni e Coppe Intercontinentali, che esalta al massimo le qualità di Facchetti: terzino sinistro, sa difendere e attaccare, è talmente bravo in fase offensiva che, alcune volte, viene schierato persino nel ruolo di attaccante. Facchetti, da calciatore, nell’Inter vince 4 campionati italiani, 2 coppe dei Campioni, 2 coppe Intercontinentali, 1 Coppa Italia. In totale, con la maglia nerazzurra, disputa 476 partite di Campionato . Straordinaria anche la sua carriera nella Nazionale italiana: 94 partite, per 70 volte capitano della squadra azzurra, campione d’Europa nel 1968 e vice-campione del Mondo nel 1970 in Messico. Conclusa la carriera da calciatore, Facchetti intraprende quella da dirigente. Sempre e comunque al fianco dell’Inter, società per la quale ricopre diverse cariche: da vice-presidente a “ambasciatore” nel mondo, da membro del Consiglio d’Amministrazione a direttore tecnico. Il 30 gennaio 2004 Massimo Moratti gli lascia la massima carica: Facchetti è il primo calciatore della storia nerazzurra a essere nominato Presidente. Sotto la sua gestione l’Inter vince uno scudetto, due edizioni della Coppa Italia e due della Supercoppa Italiana. Da sempre considerato un calciatore simbolo del calcio mondiale, ricopre diverse cariche istituzionali anche in Fifa e Uefa insieme con i grandi campioni che hanno scritto la storia dello sport.

* Parte delle notizie e la foto sono tratte dal sito www.inter.it

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com