AN – Forza Italia: il gruppo consiliare si divide?

Rogliano: novità in vista nel Consiglio comunale?

 

NONOSTANTE le dichiarazioni dei vertici del circolo ‘Raffaele Valensise’ – mirate a gettare acqua sul fuoco dopo la divergenza di vedute (e il voto in Consiglio) sulla scelta del rappresentante di minoranza alla Comunità montana del Savuto, la componente di opposizione composta dai consiglieri facenti riferimento ad Alleanza Nazionale e Forza Italia, potrebbe ben presto scindersi in due gruppi. Con An da una parte e FI dall’altra. Il partito di Fini, che con Ferdinando Falbo puntava ad ottenere la sua unica delega all’interno del Consesso dell’Ente montano, pur rispettando il ruolo politico di Forza Italia, non ne ha sostenuto, ricordiamo, la relativa candidatura (quella di Mario Canino, nda) e, adesso, si appresterebbe a puntare alla costituzione di un proprio gruppo consiliare. Le condizioni per la formazione di raggruppamento autonomo, per Alleanza Nazionale potrebbero crearsi con l’arrivo nel Consesso cittadino di Natale Mancuso, il giovane (primo dei non eletti alle recenti elezioni amministrative) che si prepara a subentrare al dimissionario Pietro Oliveti. Mancuso, che non ha tessera di partito e per il momento glissa ogni riferimento ad una sua probabile collocazione politica futura, non smentisce, però, l’ipotesi di eventuali scelte dopo la sua entrata nel Consiglio comunale di Rogliano. L’adesione di Mancuso ad Alleanza Nazionale porterebbe il partito di Fini ad avere due rappresentanti all’interno dell’Assemblea (Ferdinando Falbo e, appunto, lo stesso Mancuso) capaci, potenzialmente, di formare un gruppo autonomo da quello di Forza Italia composto da Leonardo Citino e Mario Canino. Il percorso appare praticabile. Ma sull’argomento ne sapremo di più nei prossimi giorni.

G.S.

 

Nella foto: Natale Mancuso. Subentra in Consiglio al dimissionario Pietro Oliveti.

 

 

Fonte della Notizia

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com