Mario Amendola riabbraccia l’amico Gianluca Pessotto

Il super tifoso bianconero ai 109 anni della Juventus

 

SULLA SCORTA di una tradizione che dura ormai da ventuno anni, che lo vede presente ad ogni evento bianconero, Mario Amendola, il tifoso juventino più famoso della Valle del Savuto, nei giorni scorsi è volato a Torino per assistere alle manifestazioni organizzate in occasione dei cento e nove anni di storia della Vecchia Signora. Un appuntamento al quale non è voluto mancare. Per due motivi: partecipare alla festa del popolo bianconero e riabbracciare l’amico Gianluca Pessotto. Dopo tre settimane di ansia, dopo aver appreso la notizia che l’ex difensore era ormai fuori pericolo, Amendola, ricordiamo, aveva voluto esprimere la sua felicità anche dalle pagine di questo giornale. “Pessottino torna presto” aveva auspicato. Così, a distanza di qualche mese, il super tifoso roglianese ha incontrato quel calciatore, oggi dirigente della Società, che ha sempre definito “un ragazzo eccezionale”. Mario è tornato da Torino carico di entusiasmo e, naturalmente, di foto ricordi, gadget e abbigliamento sportivo legati alla speciale ricorrenza. Tra le immagini esibite al bar del centro, frequentato solitamente da juventini, ci sono quelle con Marcello Lippi, Michel Platini, Sergio Brio, Ravanelli, Ciro Ferrara, Franco Causio e, persino, con i giovani atleti delle giovanili. Momenti che Mario Amendola riporrà, assieme a quelli passati, nel grande album della memoria.

 

G.S.

 

 

Nella foto, sopra: Mario Amendola con Gianluca Pessotto. Sotto, con Marcello Lippi ed alcuni campioni bianconeri.

 

 

 

 

 

 

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com