Il Signore viene in mezzo a noi per mezzo di Maria

di don Enzo Gabrieli *

 

IV^ Domenica di Avvento

 

Lc 3, 39-48

 

Maria nell’avvento è il modello dell’attesa gioiosa ma anche della fede nelle parole del Signore. Elisabetta la definisce beata proprio perché si è fidata. Quanto le ha detto l’angelo lo ha accolto senza timore, ha creduto nella proposta di Dio.

Chissà quante volte Elisabetta si sarà fatta raccontare nel silenzio, a gesti o per incisioni su tavolette, dal marito dell’apparizione dell’angelo Gabriele nel Tempio

Chissà quante volte avrà dovuto asciugare le lacrime che rigavano il volto dell’anziano Zaccaria che si rammaricava “per non aver creduto in pieno” che il Signore aveva ascoltato la sua preghiera.

Ora aveva davanti una giovinetta di Nazaret che si era invece comportata diversamente, aveva dato la sua disponibilità a Dio. Aveva detto ‘fiat’ (sia fatto secondo quanto tu dici) a Dio attraverso l’angelo.

Elisabetta sentiva che quanto era in Maria veniva dallo Spirito; la presenza di Maria nella sua casa era la presenza di Dio; finanche il bambino esultava nel grembo.

Poche parole di saluto all’anziana cugina ed ecco la gioia. Basta anche a noi uno sguardo verso Colei che ha creduto e il nostro spirito esulta, l’animo vibra, per la presenza di Dio nella vita di Maria.

La Vergine che è presente nella Chiesa con la sua materna intercessione e consolazione fa cogliere a ciascuno di noi ciò che Lei ha portato in grembo: il Signore che viene attraverso di noi anche per mezzo di lei.

 

 

“L’amore di Cristo ci spinge” ( San Paolo)

 

Dio dell’amore che ci fai incamminare verso la montagna, in fretta, quando ci lasciamo sospingere dalla Grazia, fa che i nostri fratelli bisognosi di auto e d’amore sentano la tua presenza attraverso la nostra presenza.

Non farci stare impoltroniti nella nostra quotidianità; riempici del tuo amore e sarà lo stesso amore e la stessa fiducia in te a scomodarci.

Facci essere ‘benedizione’ per chi ci incontra, facci essere gioiosi testimoni per chi ci guarda, operai di quella carità che ha la sua fonte e la sua forza nella presenza di Cristo in noi.

 

 

* Don Enzo GABRIELI, sacerdote e giornalista, è parroco di Mendicino, Vicario Foraneo delle Serre e Vice Postulatore della Causa di Canonizzazione del Servo di Dio Gioacchino da Fiore. Ha pubblicato: La Chiesa dello Spirito Santo e la Congregazione dei Nobili di Rogliano (con Gaspare Stumpo); Innocenzo XII – Un papa dalle origini contese; La Chiesa di S. Nicola in Cosenza, monumento dell’arte sacra moderna; il giallo religioso Delitto nell’Abbazia; Ecce/Deus Ecce/Homo: Bernardo Milizia da Rogliano. Fondatore dei Colleretani e alcune raccolte di poesie. Collabora con Il Quotidiano della Calabria, Avvenire e con la rivista pastorale Via, Verità e Vita, edita dalle Edizioni Paoline. Attualmente è anche Direttore responsabile del giornale Comunicando News.

 

 

Vedi anche: www.parrocchiamendicino.it

 

 

Nella foto, in apertura: Antoniazzo Romano, Natività (sec. XV°).

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com