Giacomo Elia nominato Cavaliere della Repubblica

Riconoscimento per l’Ispettore originario di Bianchi

 

E’ STATA CONFERITA l’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana a Giacomo Elia, Ispettore Capo della Polizia di Stato in servizio a Milano. La notizia della riconoscenza a firma del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano ha suscitato nella comunità di Bianchi, grande emozione e tanta soddisfazione. L’Ispettore Elia, nato a Bianchi 49 anni addietro, attualmente svolge il delicato compito di Capo della segreteria del Questore di Milano Paolo Scarpis. Una persona, Elia, molto conosciuta e stimata in paese e nei Comuni limitrofi, affabile e disponibile con tutti. L’Ispettore, nonostante il successo personale non ha mai dimenticato il suo paese natio a cui è legato da un cordone ombelicale, e puntualmente ogni estate insieme alla sua gentilissima consorte vi trascorre parte delle vacanze. Entrato in Polizia giovanissimo, appena 19 anni ha frequento il Corso di Allievo di Pubblica Sicurezza ad Alessandria e poi trasferito a Roma, Torino e Firenze. In seguito è stato assegnato al Raggruppamento Guardia P.S. di Milano ed assegnato all’Ufficio di Gabinetto della Questura fino al 1977. L’intraprendente giovane Elia, responsabile e assiduo al lavoro nel corso della sua brillante carriera ha ricoperto interessanti e delicati incarichi, in particolare quello di Capo della segreteria di numerosi Questori: Fardello, Catalano, Improta, Lucchese, Trio, Serra, Carniero, Forleo, Finazzo e Boncoraglio. Il suo dinamismo, la disponibilità e le autentiche capacità possedute gli hanno procurato numerosi attestati di stima e riconoscimenti non solo dai Superiori ma soprattutto dalla cittadinanza milanese. Dal 1985 organizza la Festa della Polizia milanese, coadiuva cerimonie ed eventi con l’Università, il teatro degli Arcimboldi, lo Strehler, l’Auditorium e il teatro della Scala. L’ispettore Giacomo Elia, l’anno prossimo festeggerà 50 anni, una personalità di grande rispetto e di alto rilievo morale che conserva ancora tutto l’entusiasmo e l’amore per la professione che svolge da 30 anni. Una intensa e movimentata carriera quella dell’Ispettore biancaro, che non è sfuggita al Ministero degli Interni, il quale ha proposto per l’appunto la nomina a Cavaliere della Repubblica, il cui decreto è stato firmato in occasione dei festeggiamenti de 2 giugno scorso. Un uomo così speciale da aver ricevuto, oltre al riconoscimento degli amici, l’affetto e la stima dei suoi compaesani anche quello del Presidente Giorgio Napoletano per la grande professionalità e passione che in 30 anni ha continuato a profondere nel suo lavoro. Un tributo e una riconoscenza, ad un uomo che del lavoro ha fatto la sua ragione di vita. Una vita straordinaria, quella del ragazzo del Sud, ricca di soddisfazioni e successo che caparbiamente ha inseguito il suo sogno.

 

Pasquale Taverna

 

 

Nella foto: l’Ispettore di Polizia, Giacomo Elia.

 

 

 

Fonte della Notizia

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com