Parlano i due candidati a sindaco per il comune di Marzi

Francesca Gabriele  intervista  Aiello  e  Costanzo

 

Rodolfo Aiello (Marzi Democratica): “… garantisco lo sviluppo di Marzi”

 

“Marzi Democratica” è il nome della lista che ha come candidato a sindaco un professionista locale, l’architetto Rodolfo Aiello. Un nome che ha fatto parte della battaglia politica nella passata tornata elettorale, un nome familiare, per un gruppo preparato, motivato, combattivo che crede molto nella parola democratica nella parola “democratica” così come crede nella campagna di idee e progetti da condividere con gli elettori per trovare la soluzione giusta agli annosi problemi che attanagliano il piccolo centro del Savuto. Una lista, quella presentata da Marzi Democratica, aperta alla presenza femminile, aperta alla società civile. Pacatezza,gentilezza, riflessività, sono i tratti salienti della personalità di Rodolfo Aiello che abbiamo colto nel corso della nostra intervista, che pubblichiamo di seguito.

 

Lei è alla sua terza candidatura a sindaco di Marzi. Per quale preciso motivo questa volta ha deciso di scendere in campo.

“Per il rispetto che nutro nei confronti del mio elettorato”.

 

Se dovesse perdere questa scommessa, pensa di ritirarsi dalla vita politica?

“Sicuramente”.

 

Perché secondo lei i suoi concittadini dovrebbero eleggerla nel prossimo turno elettorale?

“Sono l’unico a poter garantire lo sviluppo del paese”.

 

Come giudica gli anni di amministrazione comunale guidata da Giuseppe Cuccomarino?

“Fallimentari e catastrofici”.

 

Quali occasioni importanti ha perso Marzi in questi anni?

Le occasioni per il rifacimento della rete idrica comunale, le possibilità per il risanamento ambientale a valle del comune, le opportunità di finanziamento per la ristrutturazione del locale campo sportivo e tanto altro”.

 

Le donne in politica. Nella lista di Marzi Democratica è prevista la presenza femminile?

“Il trenta per cento dei candidati nella mia lista è rappresentato da donne”.

 

Il rapporto con gli alleati. Chi sostiene la sua lista?

“Tutte le persone che hanno a cuore lo sviluppo paese”.

 

La curiosità. Dopo la sua candidatura a sindaco, qual è stato, il primo consiglio che le ha dato suo nipote, l’assessore provinciale alle politiche sociali, Ferdinando Aiello.

Di creare un consenso ampio intorno alla mia compagine”.

 

Chi le piace dei politici locali?

“Nessuno”.

 

La prime tre priorità di Rodolfo Aiello nel caso di una sua elezione a primo cittadino.

“Il problema dell’acqua, l’allacciamento alla superstrada Piano Lago –Marcellinara, il risanamento ambientale”.

 

Lanci un messaggio ai suoi elettori.

“Siate padroni del vostro destino”.

 

In bocca al lupo.

Crepi il lupo”.

 

Francesca Gabriele

 

 

Lucio Costanzo (Agorà): “…. con me il cambiamento a Marzi”

 

La lista ‘Agorà’ scommette su Lucio Costanzo, professionista quarantanovenne, non legato ad alcun partito, ma aperto alle istanze della società civile, animata quest’ultima, da valori comuni e distante dalle dure a tratti impenetrabili dialettiche partitiche, nonché dalle altre parti in gioco. La competizione elettorale che si concluderà nel mese di maggio, si annuncia competitiva, combattiva, di elevato spessore per la storia politica e personale di ciascuno dei candidati che faranno parte di questo nuovo scenario amministrativo. Coniugato, con due figli, Costanzo, nelle prossime amministrative, punta a far assumere un volto nuovo al piccolo centro del Savuto, un volto, che esprima desideri, progetti e aspirazioni dei più giovani, un volto da amalgamare con l’esperienza, la saggezza dei meno giovani della cittadina. Una lista, in altre parole, di larghe intese, aperta a differenti raggruppamenti. La Voce del Savuto” ha incontrato nei giorni scorsi, Lucio Costanzo, per porgli una serie di domande.

 

Chi l’ha spinta a mettersi in gioco in questa campagna elettorale?

“Ho sposato un progetto politico ben preciso”.

 

Cosa l’ha spronata a dire si?

“Il desiderio di rinnovamento per Marzi”.

 

Perché la sua candidatura nella lista che fa capo all’ex sindaco Giuseppe Cuccomarino?

“Il mio nominativo è uscito dal gruppo E.D.S proprio per quanto riguarda il discorso del rinnovamento del quale le accennavo prima. Dopo la rinuncia a ricandidarsi dell’ex primo cittadino Cuccomarino, sono stato invitato a guidare questa lista come super partes ”.

 

Perché lei dovrebbe vincere questa scommessa politica?

“Perchè credo in questo progetto politico-amministrativo”.

 

Se vincerà questa sfida qual è il primo obiettivo che assorbirà la sua attenzione?

“Il recupero della vivibilità del mio paese”.

 

Se i marzesi la eleggeranno cosa cambierà da subito a Marzi?

Penso che agirò per mutare la mentalità che da anni accompagna ogni tornata amministrativa e interverrò da subito sul centro storico”.

 

Chi sono gli avversari più temibili?

“I componenti dell’altra lista”.

 

Chi le piace tra i politici locali?

Il sindaco di Rogliano, Giuseppe Gallo”.

 

Chi invece non le piace?

Visto che sono nuovo a questa esperienza amministrativa non posso sbilanciarmi rispondendo a questa domanda”.

 

Il comune di Marzi è stato commissariato. Un suo commento.

E’ stata una decisione avventata da parte di chi sperava in qualcos’altro”.

 

Faccia una promessa ai suoi concittadini.

Impegno e lealtà”.

 

Lanci un messaggio ai suoi elettori.

“Scegliete la nostra lista abbracciando questo nostro discorso di rinnovamento nelle persone e nella progettualità”.

 

In bocca al lupo

“Crepi”.

 

F.G.

 

 

Nella Foto: Rodolfo Aiello (a sinistra) e Lucio Costanzo.

 

 

Fonte della Notizia

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com