Incontro fra amministratori e presidente della Provincia

In discussione le principali problematiche del Savuto

 

SI SONO incontrati nei giorni scorsi, presso la sede dell’ente montano del Savuto, il presidente della provincia di Cosenza, Mario Oliverio, l’assessore provinciale per il Piano territoriale di coordinamento Pietro Mari, gli amministratori del comprensorio e il presidente della comunità montana, Anna Aurora Colosimo. L’incontro, fortemente sollecitato dai sindaci del Savuto, è stato promosso dall’ente provinciale  nell’ambito della conferenza di programmazione per l’adozione del piano territoriale di coordinamento. Molti i punti sui quali si è impegnata l’amministrazione provinciale: dal miglioramento dei collegamenti stradali, all’ammodernamento della tratta ferroviaria Catanzaro-Cosenza, passando dal rilancio dell’area industriale di Piano Lago (potenziando le opere primarie e migliorando le condizioni di sicurezza). E ancora l’individuazione della funzione dell’area strategica di Piano Lago nell’ambito  provinciale e di un eventuale distretto industriale ove far sorgere un quartiere fieristico di rilievo regionale, la valorizzazione delle risorse naturalistiche, il miglioramento dei servizi turistici e il rilancio del settore agroalimentare. Oliverio e Mari hanno illustrato il documento preliminare predisposto sulla base dell’analisi del territorio, dichiarandosi disponibili a considerare le eventuali proposte e convinti della necessità di coinvolgere nella programmazione gli enti locali di base, che più direttamente amministrano e conoscono le realtà territoriali. I sindaci hanno quindi illustrato le loro istanze, condivise unanimemente e rappresentanti le aspettative dell’intero comprensorio. Tra le altre richieste, anche quella di includere la zona del Savuto nell’area urbana di Cosenza, giustificata sia dalla contiguità territoriale che dalla necessità di evitare la marginalizzazione del territorio. L’incontro è stato anche occasione per rimarcare ai rappresentanti istituzionali intervenuti la progressiva e lenta marginalizzazione del Savuto, perpetuata da ultimo con il declassamento dell’ospedale di Rogliano a casa della salute. Oliverio ha, a tal proposito, espresso la convinzione che il nosocomio debba continuare a far parte dell’azienda ospedaliera di Cosenza con lo status di ospedale, in quanto organicamente e funzionalmente ad essa collegato.

 

Assunta Cristello

 

 

Nella foto: la sala delle adunanze della Comunità montana del Savuto.

 

 

Fonte della Notizia

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com