Mangone: al via la tre giorni dal titolo “dal grano al pane”

Iniziativa finanziata da Ue progetto “Piazze d’Italia”

 

DA OGGI E FINO al primo settembre, Mangone festeggia il suo prodotto più tipico, il pane. Parte infatti questo pomeriggio la tregiorni “Dal grano al pane”, manifestazione finanziata dall’Ue nell’ambito del progetto “Piazze d’Italia” rientrante nei fondi Por 2000/2006, patrocinata dall’assessorato regionale alla cultura, dalla Provincia e dal comune di Mangone. All’evento, coordinato in prima persona dal sindaco e dall’assessore Diego Montemurro, hanno collaborato amministratori e amministrati. Per l’occasione verrà aperto al pubblico uno dei palazzi storici e meglio conservati del paese, palazzo Mauro, dove sono state allestite mostre pittoriche e una rassegna museale a tema. Oltre alle esposizioni pittorico-scultoree del maestro Pino Miniaci e dei lavori con la pasta di sale delle associazioni Torpedone, Costruire il domani e del Centro Diurno di Rogliano, il palazzo signorile ospiterà una fedele ambientazione contadina, dimostrazioni gastronomiche con dolci e pasta della tradizione, cortometraggi e diapositive sulla panificazione e, all’esterno, un’aia e macchinari d’epoca connessi alla mietitura. Venerdì scenderanno in campo i panificatori locali nella mostra mercato allestita sotto la sede comunale, dove sarà pure possibile degustare i prodotti esposti. Alle 18.30 si terrà il convegno “Dal grano al pane: identità, tradizione, cultura, nuova risorsa”, al quale interverranno il dirigente scolastico Vincenzo Ferraro, il presidente provinciale dell’associazione agronomi Mario Reda, il presidente dell’ente montano del Savuto Anna Aurora Colosimo e l’assessore regionale alla cultura e all’alta formazione Sandro Principe. Al termine dei lavori i panificatori locali verranno insigniti con un riconoscimento, mentre la serata sarà allietata dalla band musicale Zona Briganti e da una fagiolata in piazza. Sabato primo settembre si svolgerà la settima edizione dell’estemporanea di pittura: soggetto di quest’anno non poteva che essere “Dal grano al pane”. In serata, dopo la premiazione dei pittori vincitori, concluderà la compagnia teatrale Pedace, con la messa in scena de “In nome del Santo”. Nel presentare il programma nel corso di un’apposita conferenza stampa, il primo cittadino spiega il fine della manifestazione, che è quello di riscoprire, potenziare e rendere visibile l’antica arte del pane, innescando magari un circuito virtuoso che porti possibilità commerciali e occupazionali. «Quello del pane è un discorso che interessa da vicino un paese come Mangone dove, fino agli anni ‘50, si contavano ben dieci forni in attività – chiosa il sindaco Raffaele Pirillo – tanto che l’ente montano del quale facciamo parte ha intenzione di richiedere il riconoscimento della denominazione tipica per questo prodotto». «Ci auguriamo – conclude Pirillo – che “Dal grano al pane” possa diventare, finanziamenti permettendo, un evento consolidato e che questa sia la prima di molte edizioni».

 

Assunta Cristello

 

 

Nella foto: il centro storico di Mangone.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com