“Acqua bene primario e fondamentale per l’umanità ”

Bianchi: dibattito alla presenza di padre Zanotelli

 

L’ACQUA è il bene primario dell’umanità, risorsa naturale, unica e allo stesso tempo limitata che nessuno  può pensare di lucrare”. Questo, lo slogan e il senso del dibattito, l’altro giorno in Piazza Matteotti dal Forum del Reventino, sul tema  “Acqua bene comune”. Molto apprezzata la presenza di padre Zanotelli, comboniano,  per anni impegnato nelle baraccopoli di Korogocho, in Kenia, oggi nel rione Sanità di Napoli. Nel suo accorato intervento, tra l’altro ha dichiarato, che “il Meridione, per gli effetti dei cambiamenti climatici è destinato alla desertificazione”. Un allarme preoccupante che inviata i cittadini a  gestire con parsimonia il prezioso liquido. “E’ criminale mettere le mani sull’acqua” – ha dichiarato padre Zanotelli  che si capisce dalle enormi pressioni delle multinazionali, della mafia e di uomini con poco scrupoli”.  L’esperienza africana, del padre comboniano, è stata occasione per evidenziare che le disponibilità d’acqua è diminuita di tre quarti in Africa e due terzi in Asia. Insomma, un quadro non confortante ma che può aiutare a riflettere con maggiore coscienza su una risorsa non scontata e tanto meno inesauribile. L’Italia, ha detto padre Zanotelli, è la prima in Europa per il consumo d’acqua e terza nel mondo con 1200 metri cubi di consumi l’anno procapite. Un paese il nostro, etichettato come “grandi sciuponi dell’oro blu”.  Numerosi i partecipanti alla manifestazione, che hanno riempito Piazza Matteotti, soprattutto giovani assorti  ad ascoltare con interesse i vari interventi. In avvio dei lavori Bruno Arcuri, ha parlato della raccolta delle firme lanciata su tutto il Paese,  per ristabilire che “l’acqua è un bene comune e un diritto umano universale, la disponibilità e l’eccesso all’acqua potabile sono diritti inalienabili della persona”. Anche Ciccio Sbello di Reggio Calabria e Giovanni Di Leo di Lamezia Terme, hanno dato il loro contributo alla riuscita della manifestazione. Tra il numeroso pubblico, presenti, il vicesindaco Antonio Valente, Aurora Colosimo, presidente Comunità Montana del Savuto e amministratori dei Comuni limitrofi. La manifestazione, hanno ricordato i promotori, è inserita nell’ambito delle iniziative denominate “Una montagna di Pace… in cammino verso Assisi”, questa marcia, molto cara al popolo dei pacifisti e fissata per il 7 ottobre prossimo. Dopo il dibattito, sono stati consegnati gratuitamente circa 200 riduttori di flusso e proiettati alcuni interessanti filmati, condivisi con una serata all’insegna di specialità eno-grastronomica e vendita di prodotti eco-solidali.

 

Pasquale Taverna

 

Nella foto: un momento dell’iniziativa.

 

 

Fonte della Notizia

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com