‘Area Urbana: un progetto che comprenda il Savuto’

di Giuseppe Gallo*

 

 

LA DISCUSSIONE avviata dai Comuni di Cosenza e Rende sul Piano Strategico e il confronto che vede impegnata la Provincia di Cosenza con i Comuni per l’approvazione del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale, rappresentano un passaggio decisivo per affermare la volontà di creare un’area urbana non più a parole ma sulla carta, cioè sugli atti di programmazione e gestione del territorio che andranno ad incidere sullo sviluppo delle comunità locali almeno per i prossimi dieci anni. Forse è arrivato il momento che si parli dell’Area Urbana Cosentina in termini realistici e non più opportunistici o per solo calcolo elettorale. Certamente spetta alle due principali amministrazioni tracciare le linee fondamentali di questo importante progetto partendo essenzialmente e prioritariamente dalla conurbazione tra Cosenza e Rende e stabilendo gli assi fondamentali che ne accrescano i rapporti di un futuro sviluppo economico. Tuttavia, l’area urbana cosentina non nasce e non si realizza se non è polare, cioè se non si coinvolgono l’aree limitrofe alle due città, i comini che ne sono corona: Montalto, Castrolibero e i Comuni del Savuto. Una discussione senza la presenza di queste tre aree è inutile, circa la creazione di un’area urbana che voglia dirsi tale con tutte le sue potenzialità. Basta guardarsi intorno per capire che l’Area Urbana è nei fatti. La maggior parte dei cittadini di Montalto, Rogliano e di Castrolibero passano la loro giornata per motivi di lavoro, di studio o di svago a Cosenza e all’UNICAL. C’è già un vissuto quotidiano che concretamente ha disegnato l’area urbana. Pertanto si deve solo avere il coraggio di delinearne i confini che non possono non coincidere con i comuni della corona cosentina (Montalto, Catrolibero, Savuto). Il tempo delle parole è ormai terminato. Si passi in tempi brevi ai fatti, si arrivi subito ad affrontare il cuore dei problemi che è quello della mobilità e dei trasporti, perché non esisterà area urbana se non si penserà ad un sistema di trasporti che sia funzionale ad essa e non solo a Cosenza e Rende. Sono positivamente contento delle parole del Sindaco di Montalto quando afferma che bisogna utilizzare il tracciato delle Ferrovie della Calabria e lungo questo realizzare la metropolitana di superficie, posizione già espressa dal Sindaco di Castrolibero e che come amministratori del Savuto stiamo sostenendo da tempo perché meno costosa e certamente più rispondente alle esigenze dei cittadini dell’intera area urbana. Partiamo da qui, cioè dalle cose che servono se vogliamo veramente costruire questa grande area urbana. Altrimenti continueremo solo e soltanto a fare parole a discapito delle popolazioni amministrate che non ci capirebbero più.

 

* Sindaco di Rogliano

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com