“Abbiamo bisogno di servizi e risposte occupazionali”

Damiano Mirabelli parla di trasporti ferroviari e sviluppo

 

Mirabelli: “i cittadini hanno bisogno di servizi e di risposte occupazionali”. Il rappresentante del Comitato utenti delle FdC, Damiano Mirabelli, nelle scorse ore è tornato a parlare della funzione del trasporto pubblico (in particolare delle ferrovie) nell’area sud di Cosenza: il Savuto. Mirabelli ha ribadito la necessità di un mezzo di trasporto, il treno, che è rimasto l’unico a disposizione di una fascia di utenza meno abbiente caratterizzata anche da studenti “futuri professionisti – ha detto – delle nostre realtà montane ormai spopolate costituite prevalentemente da anziani. Realtà prive di ogni servizio, di ogni comodità”. Il rappresentante del Comitato utenti ha stigmatizzato l’azione dei politici che “pensano a megaprogetti, dimenticandosi che la gente del Savuto viene privata dei diritti fondamentali, cioè quelli di essere cittadini bisognevoli di servizi sociali”. “Abbiamo assistito all’abbandono di queste ferrovie – ha scritto – alla mancanza di progetti per migliorarle, creando luoghi dove possono trovare in simbiosi due o più fattori: lo sviluppo del trasporto pubblico, il turismo, l’occupazione”. Non a caso, infatti, Damiano Mirabelli ha posto l’accento sulle tante vertenze che interessano il mondo del lavoro, soprattutto quelle del precariato e si è rivolto a Ferrovie della Calabria, ma anche ad Anas ed Asl chiedendo: “se anni addietro avevate pensato ad accordi con l’Afor per mantenere le tratte pulite, idonee, perché non pensate di coinvolgere ed utilizzare il bacino lsu/lpu al fine di dare veramente una risposta vera al problema dei precari?”. Un progetto, dunque, che per il rappresentante del Comitato utenti FdC potrebbe coniugare, usufruendo dei contributi regionali e nazionali, miglioramento dei servizi e risposte occupazionali. Sullo stesso argomento è stata registrata intanto una nuova presa di posizione del sindacato Confail Faisa Autoferrotranviari, che in una nota della segreteria regionale ha spiegato che “la struttura trasportistica delle FdC doveva rappresentare il fiore all’occhiello della provincia di Cosenza e di tutte le aree regionali in cui opera” mentre “oggi assistiamo invece al degrado più completo che parte dai mancati interventi nel settore ferroviario con conseguente, inevitabile deterioramento delle strutture, alla frammentazione del settore autoservizi”. “Da tempo – si legge nel documento della Confail – rivendichiamo interventi concreti che possano andare nella direzione della valorizzazione e riqualificazione di questa azienda che tardano ad arrivare, mentre registriamo quotidianamente il suo degrado e la sua marginalizzazione”.

 

Gaspare Stumpo

 

 

Nella foto: Damiano Mirabelli.

 

 

Fonte della Notizia

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com