“Il Piano ha evitato il declassamento del nosocomio”

Rogliano: una nota dell’assessore Mario Altomare

 

 

LA DISCUSSIONE intorno al testo del nuovo Piano Sanitario, più nello specifico sulla futura destinazione del presidio S. Barbara, continua a provocare confusione e disorientamento fra i cittadini-utenti e fra gli stessi operatori dell’ospedale. Intervenendo nel dibattito l’assessore comunale alla Salute, Mario Altomare, afferma “che un primo risultato è stato raggiunto” e che “questo nuovo piano (Sanitario, nda) ha scongiurato il declassamento del nosocomio a casa della salute, prevedendone la destinazione a struttura di alta specialità per come già più volte da noi ribadito”. Altomare si dice per tutto ciò soddisfatto, pur ribadendo la necessità di una attenzione continua e costante “considerato – spiega – che la proposta di Piano, prima che diventi legge deve ancora avere il via libera della competente Commissione e del Consiglio regionale, affinché il Santa Barbara continui con le sue funzioni all’interno dell’A.o. di Cosenza, fino a quando non sarà costruito il nuovo ospedale come previsto dallo stesso Piano Sanitario”. “Esigenza questa – prosegue l’assessore – che fa fronte alla richiesta di salute della popolazione cosentina e non solo, considerata l’inadeguatezza dell’Annunziata e del Mariano Santo, non più idonei ad una concreta richiesta di una sanità sempre più vicina ai bisogni della nostra popolazione”. A giudizio di Mario Altomare, quindi, in questo contesto “la prospettiva di trasformazione a struttura di alta specialità del Santa Barbara assume una forte valenza culturale per il rilancio di una sanità che dia risposte non solo alla nostra provincia ma a tutta la regione”.

 

Gaspare Stumpo

 

 

Nella foto: il dott. Mario Altomare.

 

Fonte della Notizia

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com