Trasporti: il presidente delle Fdc incontra i sindaci

Iniziativa promossa presso la Comunità montana

 

UN CONFRONTO franco e leale, quello fra i sindaci del Comprensorio, il presidente dell’ente montano Anna Aurora Colosimo e il presidente delle Ferrovie della Calabria Mario Scali,  l’altra sera nella sede della Comunità Montana. L’argomento: la tratta ferroviaria Cosenza-Catanzaro che interessa, in alcuni tratti, molti comuni del Savuto  di cui si è tanto discusso.  Apre Anna Aurora Colosimo che pone il problema della necessità dell’ammodernamento e dell’agibilità della tratta. "Per noi amministratori del comprensorio, la tratta ferroviaria in questione è una cosa alla quale teniamo molto – afferma Anna Aurora Colosimo – contiamo quindi su un miglioramento"; il presidente Colosimo vorrebbe però che, contestualmente al protocollo d’intesa di Cosenza-Rende-FdC-Regione-Ministero, venga sottoscritto un accordo per la tratta Catanzaro-Cosenza. Di seguito il presidente delle FdC Mario Scali invoca investimenti da parte di FdC, Regione Calabria e Ministero; "Ferrovie della Calabria si salva se si investe sia su gomma che su ferro – afferma Scali – poi informa su dieci nuovi treni di ultima generazione che saranno pronti a Giugno del 2009. "Il problema è come sopravvivere fino al 2009" – aggiunge il presidente delle FdC; in una prima fase si sostituiranno i sedili, poi si procederà alla riveniciatura dei treni, ritenuta più economica della pulizia. Poi Scali riferisce di alcuni milioni di Euro già appaltati o in corso di definizione di appalto (circa venti) – atti a ridurre, compatibilmente con la linea, i tempi di percorrenza. "Necessitano altri 20 milioni di Euro; se coralmente ci facciamo sentire dal Ministero e dalla Regione, forse ci riusciamo". Per quanto riguarda le stazioni, Scali propone di darle in gestione ai comuni dopo averne ristrutturato i locali, a condizione che si garantiscano le pulizie dei servizi essenziali; a conclusione del suo intervento il Presidente delle FdC si dice "aperto ad ogni proposta purchè sia formulata in termini di razionalizzazione" Di seguito ancora Anna Aurora Colosimo invoca un protocollo d’intesa più chiaro dove sia scritto come si interverrà sulla tratta. Di seguito il sindaco di Colosimi, Raffaele Rizzuti, nell’apprezzare la "grande disponibilità dimostrata dal Presidente Scali – pone l’accento sulle difficoltà dei cittadini del territorio dell’alto Savuto a raggiungere Cosenza; "credo che il trasporto su gomma non possa sostituire quello su ferro – afferma Rizzuti – credo quindi necessario per la zona, ammodernare e potenziare la tratta". Ancora il presidente delle FdC Mario Scali, un investimento di 20 milioni di Euro all’anno per cinque anni, che non sarebbe moltissimo se si considera la validità della tratta che collega due province – "credo che se il piano industriale di FdC trova il consenso delle comunità locali – afferma ancora Mario Scali – il problema si possa risolvere". Per il sindaco di Mangone Raffaele Pirillo, la creazione di un "interporto" a Piano Lago che limiti l’affluenza di automobili a Cosenza, supportato da un potenziamento della tratta aumenterebbe il numero degli utenti rendendo ". Il sindaco di Marzi Rodolfo Aiello ritiene valida la proposta di affidare ai Comuni i locali delle stazioni ferroviarie; il nocciolo della questione è, secondo Aiello, "dove trovare quei cento milioni di euro in cinque anni".  L’incontro si conclude con l’impegno a rivedersi fra Natale e Capodanno, alla presenza del Presidente della Provincia Mario Oliverio e dei sindaci del comprensorio, per definire le bozza di convenzione con i comuni e discutere del protocollo d’intesa che, a detta di tutti,  deve prevedere misure precise per quanto riguarda la tratta ferroviaria Cosenza-Catanzaro.

                                                                                      

Giovanni Iacino

 

 

Nella Foto: Anna Aurora Colosimo. Alla sua sinistra, Mario Scali.

 

 

Fonte della Notizia: CALABRIA Ora.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com