Bianchi: per Natale spettacoli “a misura di bambino”


Una iniziativa promossa dall’Istituto Comprensivo

SPETTACOLI natalizi a misura di bambino per festeggiare il Natale. Calcare il palcoscenico con spettacoli “a misura di bambino”. Questa l’apprezzata iniziativa proposta dall’Istituto Comprensivo di Bianchi – Colosimi, in occasione delle festività natalizie. Tutti in scena gli allievi, dalla scuola dell’infanzia alla Secondaria di 1° per festeggiare l’evento della Natività di Gesù. Un progetto di animazione teatrale, che si inserisce nei percorsi educativi e didattici che l’istituto mette a punto con molteplici attività curriculari ed integrative. Il filo conduttore dei cinque spettacoli e dei lavori prodotti, oltre al tema religioso, sono stati i temi della pace, solidarietà e della legalità. I bambini della scuola dell’infanzia (Bianchi e Colosimi) hanno proposto “Babbo Natale a cavallo”; gli alunni della Secondaria 1° di Bianchi “Aspettando Natale”, Secondaria 1° (Colosimi) “Un Natale speciale”; scuola dell’infanzia di Bianchi ‘Arriva babbo Natale” ed infine un recital “Gli animali del presepe”. Nell’attività proposta oltre l’impegno dei docenti ha collaborato il commediografo, prof. Antonio Simarco. Sul palcoscenico, i personaggi hanno indossato costumi e si sono mossi all’interno delle scenografie. Qualche ragazzo ha calcato la scena da consumato attore, qualcun altro si è mostrato un po’ più impacciato, ma alla fine tutti si sono sbloccati, anche i più timidi ed insicuri e riscosso un grande successo. Il dirigente scolastico, Caterina Policicchio, nel suo messaggio augurale di Natale e di fine anno, ha tra l’altro sottolineato che quanto organizzatoNon si tratta di un gesto rituale, di un appuntamento tradizionale, ma di un desiderio che scaturisce dalla necessità di rallentare il ritmo dell’impegno del lavoro e delle abituali applicazioni e di dedicare un po’ del nostro tempo alla riflessione, ai bilanci e ai pronostici che tutti siamo soliti fare nello scorcio dell’anno solare”. Sono profondamente convinta – ha proseguito – che la scuola possieda al suo interno risorse preziose, che non mancano di brillare nelle numerose occasioni in cui le istituzioni scolastiche dialogano con le voci più autorevoli del territorio e forniscono il loro contributo alla risoluzione degli svariati problemi presenti nella nostra regione e, più in generale, nel Mezzogiorno d’Italia. Mi riferisco al problema della illegalità, al problema dell’abbandono scolastico,al problema della scarsa preparazione dei nostri ragazzi come risulta dalle ultime indagini PISA sull’acquisizione delle competenze di base. Pertanto – ha concluso la dirigente – la scuola può e deve fare di più per arginare questi problemi ,deve dare il giusto peso alle richieste che vengono dal centro, deve costruire percorsi adeguati,ponendo al centro dell’attenzione l’alunno come persona in un contesto in continua evoluzione preparando alla vita le giovani generazioni per una nuova cittadinanza non solo italiana ma soprattutto europea e mondiale.

Pasquale Taverna

Nella foto: bambini protagonisti dell’iniziativa natalizia.

Fonte della Notizia

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com