Ripristinate corse treni. Soddisfatto Comitato utenti

Iniziative dopo l’incontro operativo di Piano Lago

 

PRIMI RISULTATI all’indomani dell’incontro operativo fra vertici delle Ferrovie della Calabria, sindaci della valle del Savuto e utenti, che nei giorni scorsi è servito a fare il punto sullo stato dei servizi sulla tratta Cosenza – Soveria Mannelli e, soprattutto, ad approfondire la discussione sui disagi dovuti all’avvio dei lavori di ristrutturazione alla Galleria di Pietrafitta. Al termine della riunione, che si era tenuta nella sede della Comunità montana (Piano Lago), amministratori locali e cittadini avevano chiesto più informazione, maggiore cura del patrimonio (in particolare delle sale d’attesa) ed il ripristino di alcune corse treni. Quest’ultime ritenute “indispensabili” per anziani, disabili e professionisti alle prese con “serie difficoltà a recarsi sui luoghi di lavoro, negli ospedali, alla Saub e presso le altre strutture sanitarie”. “Le corse tolte – ha detto Damiano Mirabelli – avevano creato molti disagi ai pendolari, intere popolazioni erano totalmente escluse per molte ore sia della mattina che del pomeriggio, con difficoltà anche per il ritorno a casa”. Delle sopraggiunte carenze si erano fatti portavoce pure i sindaci della zona, in particolari quelli delle comunità interne che presentano serie problematiche nei collegamenti. Questioni spinose alle quali bisognerà porre rimedio con la stesura di progetti in grado di migliorare (sia sul piano strutturale, sia sul piano della organizzazione) l’insieme dei servizi “da e per la montagna”. E non solo per una questione logistica, ma anche per un fatto di civiltà e di equità sociale. “Ringraziamo il presidente della Comunità montana, i sindaci e la dirigenza delle Ferrovie della Calabria – ha aggiunto il rappresentante del Comitato utenti – per il confronto costruttivo e per la disponibilità dimostrata”. Mirabelli ha ribadito la richiesta di “maggiore attenzione verso l’utenza che deve essere elemento di partecipazione alle proposte per garantire un servizio più qualitativo e rilanciare una politica di trasporto pubblico più sostenibile, che accorci i tempi e garantisca un servizio sociale”. La risposta delle Ferrovie della Calabria è stata fortemente apprezzata dagli abitanti di Marzi, Carpanzano, Scigliano, Colosimi, Bianchi e quelli che fanno riferimento al territorio del Reventino, nel catanzarese. Ovvero, da quelle popolazioni che continuano ad intravedere nella linea ferrata maggiori possibilità di mobilità da e verso i due “poli metropolitani”. Non molto tempo addietro, ricordiamo, il presidente della Comunità montana del Savuto, Anna Aurora Colosimo, aveva fatto sapere che era stata chiesta al ministro dei Trasporti, Alessandro Bianchi, la disponibilità a stilare un protocollo d’intesa con gli amministratori locali per l’impegno a promuovere investimenti da parte dello Stato “per togliere dal disagio i cittadini che vivono in montagna”. Il Savuto attende risposte.

 

G.S.

 

 

Nella foto: Anna Aurora Colosimo e Giuseppe Lo Feudo (direttore generale fdc).

 

Fonte della Notizia

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com