‘Scie e iceberg’

di Roberto SOTTILE

 

QUANDO un paio di anni fa iniziai per puro caso ad occuparmi di scie chimiche, non immaginavo che una trasmissione come “Voyager” avrebbe in seguito potuto trattare quel tema. Per fortuna sono stato smentito. Anzi devo ammettere che l’argomento, assai insidioso, è stato trattato con la dovuta professionalità, che del resto Giacobbo ha più volte dimostrato in altre occasioni. Il rischio che il tutto si risolvesse facendolo passare per una bufala era assai alto, dall’altro fronte era invece probabile creare facili allarmismi, niente di tutto questo. La mezz’ora dedicata alla scie è scivolata nel miglior modo possibile, analizzando le due posizioni in maniera analitica senza trarre alcuna conclusione da nessuna delle due tesi contrapposte: complotto o normali scie di condensazione. Certo, molti attivisti a favore del complotto chimico lamentano la poca incisività data alla loro tesi, ma secondo me non è proprio cosi. Il fatto stesso che si sia dato spazio ad un argomento che poteva invece essere top-secret è già una grande vittoria. Speriamo che non si tratti solo dell’ennesima  strategia di comunicazione atta, magari in un secondo tempo, a disinformare. Pensandolo però, rischieremmo di essere in malafede, anche se qualcuno ha detto che a pensar male non si sbaglia mai. Per intanto quell’isola di ghiaccio grande due volte l’Elba, che si è staccata dall’Antartide qualche giorno fa,  è già sparita dai nostri media, ha fatto capolino, come un flash nel telegiornale del primo canale e si è disintegrata nuovamente. Niente allarmismi è tutto Okay. In compenso è ripresa in grande stile la Love commedy di Sarkozy e C. Bruni  che ci farà presto dimenticare il Co2. Inoltre è stato finalmente svelato l’arcano del 2012; su una tavoletta d’argilla, ritrovata proprio qualche giorno fa nell’America del sud, il popolo Maya ha finalmente svelato che il 2012 sarà l’anno in cui finirà definitivamente il Grande Fratello. E’ sicuramente la più bella notizia che l’umanità potesse aspettarsi, non vediamo l’ora che tutto avvenga. Intanto sdrammatizziamo in questo modo, presto riparleremo di 2012, ovviamente in termini più accettabili. 

 

Roberto Sottile

 

 

Roberto Sottile (e la sua rubrica) torneranno nei prossimi giorni su questo sito con ulteriori approfondimenti.

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com