Primi commenti al dato delle Elezioni Parlamentari

 Fa ancora discutere quello della Sinistra radicale

 

 

Politiche 2008: Pd primo partito, bene il Pdl, tiene l’Udc, crolla la Sinistra radicale. E’ questo, in sintesi, il quadro emerso al termine dello scrutinio di Camera e Senato relativo alle diciotto comunità della vallata. In linea con l’andamento nazionale, anche nel Savuto il dato più eclatante è rappresentato dalla debacle della componente ‘La Sinistra L’arcobaleno’ – che consegna alle statistiche una cifra di poco superiore al 4% in fatto di consensi, meno della metà in termini percentuali ottenuta alle Politiche 2006 dal solo Partito della Rifondazione Comunista. Un risultato comune su tutto il territorio, che vede in declino anche i Socialisti e non fornisce motivi di gratificazione per le forze politiche minori, Destra compresa. La risposta dell’elettorato con orientamento bipolare pure su scala locale ratifica il consenso per il Partito Democratico e per la stessa Italia dei Valori, che nei comuni del comprensorio superano i seimila voti attestandosi al primo posto fra i raggruppamenti in lizza per il rinnovo del Parlamento. Particolarmente positivo, dall’altra parte, il risultato del Pdl. E’ di poco più di un migliaio di preferenze, infatti, il distacco del partito di Berlusconi (che correva assieme al Movimento per le Autonomie di Raffele Lombardo) rispetto al Pd di Walter Veltroni. Complessivamente accettabile, infine, il risultato conquistato dall’Udc di Casini, che resiste all’onda d’urto del centrodestra confermando la tradizione moderata nell’elettorato locale e più in generale la tendenza calabrese e nazionale. Il crollo di consensi per la Sinistra radicale toglie al Savuto (almeno per questa tornata elettorale) l’etichetta di ‘area rossa’ e produce le prime riflessioni nel raggruppamento dell’Arcobaleno. Fernando Sicilia (Rifondazione Comunista) parla scelte legate al cosiddetto “voto utile” – di difficoltà dovute al malcontento dei cittadini e di altri aspetti, anche di carattere organizzativo, che presto saranno motivo di discussione. E’ soddisfatto, invece, il vice segretario provinciale dell’Udc, Roberto Tosti, che sottolinea la prova di un partito, il suo, che testimonia la “presenza” di una formazione di centro nonostante la tendenza bipolare emersa al termine della consultazione dei giorni scorsi. Un moderato ottimismo sembra emergere anche nelle fila del Partito Democratico, come prima uscita del nuovo soggetto politico che a Rogliano e nella zona del Savuto si attesta primo partito. “Le urne – scrivono infine dal Pdl – hanno confermato la bontà della scelta di An e Fi di accelerare il processo unitario attraverso la confluenza nella lista del Popolo della Libertà. A Rogliano, in realtà, questo percorso è stato avviato ben due anni fa con la costituzione, all’indomani delle elezioni amministrative, di un gruppo consiliare unitario di An e Fi al comune di Rogliano. Non possiamo quindi che esprimere soddisfazione per il grande successo elettorale del Popolo della Libertà”.

 

G. St.

 

Fonte della Notizia

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com