Dalla Cms il Piano Intercomunale di Protezione Civile

Mercoledì prossimo la presentazione del progetto

 

L’EMERGENZA incendi che nell’estate 2007 ha interessato gran parte dell’Italia centro meridionale ha colpito pesantemente anche il territorio del Savuto. Nonostante l’attività di contrasto al fenomeno messa in atto dalle strutture comunali e dalla Comunità Montana del Savuto i danni prodotti al patrimonio forestale e naturalistico sono stati ingenti. La grave criticità verificatasi ha indotto la Presidenza del consiglio dei Ministri a dichiarare lo stato di emergenza su tutto il territorio della Calabria. L’esperienza del fenomeno degli incendi boschivi ha posto in luce la necessità di sollecitare in maniera forte la pianificazione territoriale come strumento fondamentale  in grado di prevedere e prevenire il rischio delle diverse tipologie di eventi calamitosi e mitigarne le possibili conseguenze.  La Comunità Montana del Savuto, da sempre sensibile alla tutela e alla salvaguardia dell’ambiente, nell’intento anche di supportare le Amministrazioni locali  ha redatto il Piano intercomunale di protezione civile,  in adempimento dell’Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri N. 3606 del 28 agosto 2007. Detto strumento prevede le attività di pianificazione legate al rischio degli  incendi di interfaccia ed al rischio idrogeologico – idraulico in una dimensione intercomunale e nell’ottica di una logica di sistema integrato che è condizione essenziale per affrontare in  modo più incisivo e coordinato la gestione delle emergenze di protezione civile. La realizzazione del piano intercomunale di protezione civile segue ad un altro importate progetto realizzato dalla stessa Comunità Montana del Savuto nell’anno 2006 che è quello dell’elaborazione, in ambiente GIS, del Catasto degli  incendi boschivi  a livello intercomunale e comprendente  tutti i territori dei 17 comuni membri. Tale  progetto, che prevede il censimento e la perimetrazione delle aree percorse dal fuoco, è stato creato  dalla Comunità Montana del Savuto ancor prima dell’obbligo tassativo della sua istituzione imposta dall’Ordinanza N. 3606 del 2007. Il Piano Intercomunale di Protezione civile di cui alla citata ordinanza 3606 è stato redatto dall’Ufficio di protezione civile della Comunità Montana del Savuto e precisamente dai geologi: Giuseppe Guccione  e Salvatore Larosa. Tale strumento di pianificazione territoriale, elaborato in ambiente GIS, riguarda in particolare la perimetrazione e la classificazione delle aree esposte ai rischi degli incendi di interfaccia ed idrogeologico – idraulico, nonché l’organizzazione del modello di intervento,  ovvero delle attività necessarie per una efficace gestione dell’emergenza.

 

Il Piano di protezione civile verrà presentato in occasione di un incontro, fissato per il giorno 7 maggio alle ore 10.30 presso la sala consiliare della Comunità Montana del Savuto, a cui interverranno: il Prefetto di Cosenza Dr. Pietro Lisi;   il Dr. Cosimo Golizia della Presidenza del consiglio dei Ministri –  Dipartimento protezione civile;  il Dr. Francesco Curcio Comandante del Corpo forestale di Cosenza; l’Ing. Oliverio Dodaro comandante provinciale dei Vigili del Fuoco di Cosenza; l’Ing. Edoardo D’Andrea – Regione Calabria; il sindaco di Rogliano Avv. Giuseppe Gallo.

 

Fonte: Comunità Montana del Savuto

 

***

 

 

***

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com