“Cm, un riordino che tenga conto di alcuni aspetti”.

Donato Pizzuti interviene nel dibattito sulle Comunità montane

 

SI DICE CONTRARIO alla chiusura ma favorevole ad un riordino che tenga conto degli aspetti relativi alla “gestione della montagna”: dai problemi legati al sistema delle infrastrutture a quelli dei servizi sul territorio. Donato Pizzuti (Missione e Sviluppo) entra nel dibattito sulle comunità montane e fa un appello ai politici affinché si attivino per fare emergere quello che è stato e quello che è, attualmente, il ruolo dell’ente montano rispetto all’area del Savuto. Una presenza “operativa” suffragata da azioni concrete, soprattutto nel settore dei lavori pubblici e della innovazione tecnologica. Almeno sei le opere appaltate e cantierate (dal novembre 2007 ad oggi) dalla Cms con fondi Ato (Ambito Territoriale Ottimale) o Cassa Depositi e Prestiti: la rete ecologica regionale, struttura destinata al turismo ambientalista, in fase di realizzazione a Colosimi (costo: 468.950 euro), il collettamento fognario delle frazioni di Scigliano (costo: 501.000 euro), il miglioramento delle reti distributive dell’acqua potabile per il superamento delle problematiche dell’approvvigionamento idrico nei comuni di Belsito, Mangone e Panettieri (costo: 704.400 euro), il collettamento del sistema fognario a Rogliano (costo: 596.969), la costruzione del nuovo depuratore intercomunale per Belsito, Mangone, Marzi, Rogliano e Santo Stefano di Rogliano (costo: 1.227.000 euro), i lavori di sistemazione e messa in sicurezza di alcune zone della superstrada a scorrimento veloce Piano Lago-Medio Savuto (costo: 154.000 euro). A ciò si aggiunge l’espletamento della gara di appalto (prevista per i giorni 23 e 24 giugno 2008) dei lavori per il ripristino dei vecchi fontanili pubblici nei comuni ricadenti nella giurisdizione dell’Ente, per un costo a base d’asta di 360.000 euro. Pizzuti auspica un riordino più razionale di questi enti, ma soprattutto il conferimento di funzioni. La Comunità montana del Savuto, ricordiamo, ha un territorio di 393,79 kmq, costituito dalla superficie di 17 comuni della provincia di Cosenza, classificati tutti montani.

 

G. St.

 

 

Nella foto: Donato Pizzuti.

 

Fonte della Notizia

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com