“Avvilente controbattere alle argomentazioni di Falbo”

Replica di Rifondazione Comunista alla nota di An

 

 

NON SI E’ FATTA attendere più di tanto la risposta di Rifondazione Comunista alla nota diffusa nelle scorse ore da Alleanza Nazionale circa la mozione di Ferdinando Falbo su prevenzione aborto e sostegno alla maternità, presentata (e poi respinta) in Consiglio comunale. La vicenda, secondo quanto pubblicato ieri dal nostro giornale (Il Quotidiano della Calabria), aveva addirittura aperto il dibattito sfiorando le liti ideologiche degli Anni Settanta, con memorie storiche arrivate al Duce. Con un comunicato a firma di Fernando Sicilia (assessore alle Politiche sociali), il Prc ha restituito al mittente le critiche avanzate dai dirigenti roglianesi del Pdl. “E’ vero, l’odg è stato bocciato ma – ha scritto Sicilia – a sostegno sono stati posti in essere argomenti che niente hanno a che vedere con quanto afferma Falbo nella sua elucubrazione”. Nella nota delle scorse ore, l’assessore ha posto l’accento sul dibattito politico, culturale e scientifico relativo alla legislazione in materia di tutela della vita, soffermandosi sulla legge 194 “che sancisce e definisce l’autodeterminazione della donna a seguito di un grande referendum popolare che segna la più grande conquista sociale e civile del secolo scorso”. Per l’amministratore roglianese infatti “le scelte, qualunque esse siano, vanno rispettate a prescindere dalle convinzioni politiche o ideologiche”. “Falbo farebbe bene studiare la legge 194. Scoprirà – ha precisato l’assessore di Rifondazione Comunista – che è una legge all’avanguardia, che mette a disposizione delle donne i famosi consultori familiari, dove operano ginecologi, psicologi, psichiatri, infermieri, volontari che hanno come unico scopo la tutela della donna e della maternità. E farebbe bene ad informarsi, lui che è consigliere comunale, in merito a tutte le iniziative poste in essere dal mio assessorato in merito all’oggetto della discussione”. Sicilia ha parlato, quindi, di ordine del giorno “vecchio di trent’anni” e di “ombre dietro le quali – ha detto – si nascondono coloro i quali, alla fine, non hanno niente da dire”.

 

G. St.

 

Nella foto: Fernando Sicilia.

 

Fonte della Notizia

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com