Terminata 1^ fase stages “alternanza scuola-lavoro”

L’iniziativa ha coinvolto 15 allievi dell’Iti di Soveria

 

E’ TERMINATA nei giorni scorsi la prima fase dello stages di 40 ore settimanali del progetto “Alternanza scuola-lavoro” – che ha coinvolto 15 alunni dell’Istituto Tecnico Industriale di Soveria Mannelli (tutor: prof. Pasquale Gigliotti) e che si è svolto presso la locale azienda di Camillo Sirianni. Il progetto, redatto dall’Istituto di Istruzione Superiore “L. Costanzo” di Decollatura (dirigente: Giovanni Martello) secondo le indicazioni del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, è stato finanziato per l’importo di circa 40 mila euro dall’Ufficio Scolastico Regionale della Calabria. L’iniziativa è destinata agli alunni delle classi III^ e IV^ dei tre istituti associati: Liceo scientifico, Ipaa e Iti. L’attività extra scolastica (referente: prof.ssa Maria Orsola Chiodo) impegna gli allievi negli anni 2007/09 in orario curriculare, in tre distinti stage organizzati presso alcune aziende del terziario avanzato: turistico-recettive, lavorazione del legno e gestione ufficio, presenti sul territorio del Reventino. L’istituto, disponibile e sensibile alle innovazioni, con il progetto ha recepito in pieno le motivazioni contenute nell’articolo 4 della Legge 53/2003 “assicurare agli studenti che hanno compiuto il quindicesimo anno d’età la possibilità di realizzare i corsi del secondo ciclo in alternanza scuola-lavoro, un percorso formativo che assicuri ai giovani, oltre alla conoscenza di base, l’acquisizione di competenze spendibili nel mercato del lavoro". “L’Istituto – ha detto la referente Chiodo – da parecchi anni e in forme diverse ha già attivato percorsi di alternanza con il mondo del lavoro, considerando  quest’ultimo come luogo di formazione complementare alla scuola”. L’attività proposta mira alla creazione di un sistema stabile di rapporti tra scuola e mondo del lavoro; creare modalità didattiche innovative attraverso esperienze in specifiche realtà di lavoro; acquisire competenze; rendere più percepibile agli allievi il lavoro e proporre una cultura del lavoro; facilitare le scelte di orientamento ed infine sensibilizzare i docenti alla didattica orientativa e alla formazione professionale. Per quanto riguarda i risultati ottenuti in questa prima fase dagli alunni dell’Iti, si può affermare che è ancora troppo presto per fare una precisa valutazione. Una cosa è certa, frequentando lo stage gli alunni hanno mutato l’atteggiamento nei confronti della scuola, oggi vista come mediatrice  del loro ingresso nel mondo del lavoro. “L’esperienza – hanno affermato invece gli alunni – si è rivelata costruttiva in quanto ha anche agevolato l’acquisizione e il riconoscimento dell’importanza  di competenze trasversali, quali  quelle relazionali e organizzative”.  La disponibilità e la metodologia adottata dall’azienda Sirianni, verso gli i giovani ospiti, ha facilitato l’inserimento e l’adattamento ai ritmi e alle modalità comunicative dell’azienda, un percorso assolutamente nuovo per gli allievi.

 

Pasquale Taverna

 

 

Nella foto: gli allievi durante lo stages in Azienda.

 

 

Fonte della Notizia

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com