E’ partita la nuova stagione del Cosenza Calcio 1914

Nel nuovo marchio ritorna la storica testa di lupo

 

E’ PARTITA ufficialmente la nuova stagione del Cosenza Calcio 1914. A distanza di un anno la Società rossoblu si è ritrovata dinnanzi a giornalisti e tifosi per ribadire che il prossimo “sarà un campionato di vertice” dopo una stagione esaltante che ha permesso alla città di far festa per il tanto atteso ritorno nel calcio professionistico. Durante la conferenza stampa “allargata” tenutasi all’interno di un affollatissimo Cine Citrigno, i vertici del Cosenza hanno presentato l’organigramma per la stagione 2008/2009, rafforzato dai primi importanti “nuovi acquisti”: Umberto De Rose e Franco Salerno. Ovvero, gli imprenditori che hanno assicurato il loro apporto al progetto rossoblu. “Le persone con cui condivido questa esperienza – ha detto De Rose – mi hanno proposto un piano industriale che saprà dare a Cosenza un palcoscenico calcistico importante. Ci sono competenza, professionalità e serietà”. Alla iniziativa (che è stata coordinata da Walter Leone) hanno partecipato il presidente Damiano Paletta, il suo vice, Pino Citrigno, l’amministratore delegato, Pino Chianello, il direttore sportivo Massimiliano Mirabelli. Il più atteso, quest’ultimo, dalla stampa sportiva e soprattutto dalla folta platea di sostenitori. Tutti curiosi di conoscere il nuovo programma tecnico ma anche possibili novità (o indiscrezioni) sul fronte acquisti/cessioni. “Stiamo lavorando – ha spiegato il ds – affinché questa piazza, dopo qualche anno di buio, possa ritornare nel posto che merita. Siamo impegnati per allestire una squadra che ha un solo obiettivo: quello di vincere il campionato”. Mirabelli non ha nascosto l’interessamento del Cosenza Calcio per gli attaccanti argentini Fernando Horacio Spinelli e Lucas Maximilian Cantoro, confermando che il piano stilato dalla Società prevede l’acquisto di un portiere, due difensori, due centrocampisti laterali, due esterni sinistri e di un esterno destro, con cinque attaccanti “di peso” (tra i quali, probabilmente, Alessandro Ambrosi) previsti nella rosa dei calciatori. La società di via Degli Stadi ha ringraziato i tifosi per la partecipazione ed il sostegno profusi nel corso dell’ultimo campionato. Le circa centomila le presenze al San Vito fanno ben sperare, infatti, per quanto riguarda la campagna abbonamenti. Il secondo momento della conferenza ha riguardato le nuove proposte in fatto di immagine e comunicazione, che sono state illustrate da Rosaria Succurro, responsabile qualità e sviluppo della ‘Vircillo&Succurro’ – patnerschips che si occuperà di comunicazione e marketing (brand Cosenza Calcio 1914), con riferimenti al merchandising e all’ambiente sala stampa. Anche il direttore creativo di ‘Vircillo&Succurro’ – Immagine e Comunicazione, Luigi Vircillo, ha espresso soddisfazione in quanto “questa Società ha dimostrato professionalità e competenze indiscutibili”. “Sarà un onore – ha spiegato Vircillo – contribuire alla rinascita di una realtà che merita palcoscenici più prestigiosi. Attraverso una attenta analisi iniziale, opereremo puntando a sviluppare l’immagine e la comunicazione del Cosenza Calcio, creando una forte politica di brand che abbraccerà tutti i rami della comunicazione”. Ma l’occasione della conferenza stampa è servita soprattutto per la presentazione del nuovo marchio, che raffigura la storica testa di lupo posta su sfondo bianco (con contorno blu) circondata da sette strisce rosse a simboleggiare i sette coli cosentini. Gli addetti ai lavori hanno inoltre annunciato la collocazione di appositi tornelli nelle aree di accesso al ‘San Vito’. I rossoblù partiranno in ritiro precampionato il possimo 19 luglio, sempre a Spoleto. L’esordio per la stagione 2008/2009 è previsto invece per il 9 agosto in Coppa Italia Tim. Una curiosità: il campionato di serie C2 d’ora in avanti si chiamerà Seconda Divisione. Il Cosenza sarà impegnato a giocare nel girone C.

 

Gaspare Stumpo

 

 

Nella foto, sopra: il nuovo logo del Cosenza calcio 1914.

 

 

 Fonte della notizia (26.06.2008).

 

 

 

Mirabelli, De Rose, Paletta, Citrigno e Chianello (alle spalle il giornalista Walter Leone)

 

 

Un aspetto della sala del Cine Citrigno

 

***

 

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com