Rodolfo Aiello in disaccordo con iniziativa della Cms

Il sindaco critica la Comunità montana del Savuto

 

IL SINDACO di Marzi, Rodolfo Aiello, ha fatto sapere di non essere d’accordo con la richiesta relativa alla promozione di un tavolo di discussione sulla strada a scorrimento veloce Piano Lago – Medio Savuto. Aiello, che ha fornito un giudizio critico sulla gestione dell’arteria ed ha posto l’accento sulla questione del dissesto idrogeologico, ha detto che “la Comunità montana deve assumersi le proprie responsabilità” circa lo stato in cui versa l’infrastruttura, soprattutto nel tratto che interessa il territorio del suo comune. Gli amministratori del Savuto, tra i quali non figura il sindaco di Marzi, nei giorni scorsi, ricordiamo, hanno chiesto a Regione e Provincia un confronto al fine di individuare l’ente per la gestione del tratto di superstrada già realizzato consentendone l’apertura al traffico, il reperimento delle risorse finanziarie per la messa in sicurezza e il completamento dell’opera sulla base della progettazione esistente mediante inserimento nella programmazione Por. Finanziato con fondi Fio e realizzato dalla Comunità montana, di questa arteria a scorrimento veloce ad oggi è stato costruito solo un tratto di pochi chilometri a margine dei centri abitati di S. Stefano, Rogliano, Marzi e Carpanzano, a partire dalla zona di Piano Lago. Una infrastruttura considerata strategica per lo sviluppo del territorio ma che rischia, se non s’interviene, ulteriore degrado e per stessa ammissione degli amministratori “di diventare una delle tante opere incompiute. Ulteriore, desolante monumento alla inefficienza ed indifferenza dell’azione politico-amministrativa calabrese”.

 

G. St.

 

 

Nelle foto: Rodolfo Aiello.

 

 

Fonte

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com