Rogliano, commercio in crisi. Proposta di De Miglio

Interviene l’ex commissario cittadino di Confcommercio

 

 

L’EX COMMISSARIO della sezione roglianese della Confcommercio, Giovanni De Miglio, ha riproposto, in questi giorni, il tema del commercio in sede fissa, ponendo l’accento sulle numerose problematiche che già da tempo affliggono il settore. De Miglio ha analizzato in dettaglio gli aspetti di quello che per molti anni è stato uno dei principali volani dell’economia cittadina. Un elemento positivo venuto meno a vantaggio di altre realtà del territorio, soprattutto della zona di Piano Lago. Il commercio roglianese oggi è quasi al collasso. Una situazione preoccupante, di inesorabile depauperamento a causa del già debole tessuto socio-economico e della stessa mancanza di iniziative. Giovanni De Miglio ha rilanciato la proposta di un’associazione dei commercianti. “Dividersi e combattere una guerra fra poveri – ha detto – non giova a nessuno: non giova alla categoria costretta a confrontarsi quotidianamente da una parte con la propria clientela che giustamente pretende qualità, prezzi e servizi, dall’altra con una concorrenza spietata della grande distribuzione che poco margine lascia alla piccola impresa, e non giova all’economia locale”. L’ex commissario ha lanciato l’idea di un censimento sul commercio, la necessità dello spostamento del mercato domenicale (supportato da un adeguato piano del traffico) da via Stazione a viale Antonio Guarasci, Corso Umberto e via Regina Elena, un maggiore rapporto di chiarezza e collaborazione con l’Amministrazione comunale. Per De Miglio infatti “il Comune deve porre in essere, nell’ambito del possibile e dell’immediatamente attuabile, tutte quelle iniziative ad esso deputate quali, ad esempio, una revisione dei tributi locali, una seria campagna pubblicità del marchio – la possibilità di agevolazioni di qualsiasi natura verso gli imprenditori che vengono ad investire su Rogliano o che provvedono ad una ristrutturazione sia edile che economica delle loro aziende”. Il tutto suffragato dalla creazione di un patto associativo fra commercianti che possa far discutere, pianificare, proporre e mantenere il rapporto con le istituzioni e contribuire così al rilancio dell’intero settore. Forza, unità, attenzione alle regole di mercato ma soprattutto amore e passione per il lavoro e per la città, dovranno costituire la base per un percorso in grado di riportare il commercio di Rogliano in una nuova posizione di riferimento.

 

Gaspare Stumpo

 

Nella foto: Rogliano.

 

 

Fonte

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com