Colosimi, inaugurata la Casa delle Arti “Nadia Basile”

Progetto condiviso dall’Amministrazione comunale

 

L’INTENSA attività, l’amore per il paese e la lungimiranza della pro loco, a quattro anni dalla sua costituzione ha reso possibile inaugurare la Casa delle Arti “Nadia Basile”. Un importante appuntamento autunnale, che ha coinvolto un intero paese, visibilmente commosso e riconoscente al gruppo delle giovani e tenaci donne, che si è assunto l’arduo compito di far decollare la pro loco. L’apertura della Casa delle Arti, dedicata a Nadia Basile, ragazza scomparsa prematuramente, due anni fa, il cui ricordo è sempre vivo nella popolazione colosimara, costituisce per l’Associazione un nuovo successo. Alla cerimonia, oltre la mamma di Nadia c’era, il sindaco Raffaele Rizzuto; il presidente della Comunità montana, Anna Aurora Colosimo; Massimo Cogliandro dell’Unpli Calabria; rappresentanti delle pro loco dei paesi limitrofi e tanta gente. L’inaugurazione della Casa delle Arti, per la presidente Tiziana Costanzo, rappresenta “un traguardo importante che contribuisce alla crescita socio-culturale di Colosimi e mira alla realizzazione di alcuni laboratori aperti alla creatività dei giovani e meno giovani. Un progetto – ha aggiunto – condiviso dall’Amministrazione comunale, che ha dato in comodato d’uso l’ex municipio di Piazza Plebiscito, reso confortevole grazie all’opera di Carlo Aiello, soci della pro loco e volontari del Servizio Civile. Per il primo cittadino, l’iniziativa è “ammirevole e va sostenuta, frutto del clima sereno e costruttivo fra ente e associazioni”. La presidente Colosimo, ha sottolineato la positività del binomio “solidarietà e arte”. Cogliandro dell’Unpli Calabria, oltre esaltare il proficuo lavoro dell’associazione colosimara, orgoglioso dell’affermazione in ambito nazionale, ha consegnato ai giovani del Servizio Civile (2006-07) della pro loco di Parenti e Colosimi l’attestato per il progetto realizzato sul tema “Tra memoria, cultura e tradizione”. Il gruppo lavoro di Parenti, si classificato nei primi cinque posti fra 800 progetti presentati. Mentre a Colosimi è stato assegnato l’ambito riconoscimento per “Merito” relativo al progetto “Colosimi un mondo da scoprire" e "I nonni raccontano“realizzato dai volontari del Servizio civile Rita Costanzo, Francesca Accattatis e Teresa Mirabelli. L’edificio della Casa delle Arti, strutturato in tre livelli, per adesso ospita la sede della pro loco con annessa biblioteca, sala musica, mostra permanente della civiltà contadina e dell’artigianato locale a cura della Stella Cometa, mostra fotografica e sala di pittura. Tra i lavori esposti di cui la pro loco è fiera domina il costume d’epoca colosimaro in uso fino agli inizi degli anni ‘900, ricostruito dopo una scrupolosa ed attenta ricerca.

 

Pasquale Taverna

 

 

Nella foto: autorità alla inaugurazione della Casa dell’Arte.

 

 

Fonte

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com