Maltempo, a Parenti famiglia isolata per danno a ponte

Frana anche sulla statale 19 a 3 km da Piano Lago

 

LA DOPPIA FRANA che ha interessato i binari ferroviari in località Sperti ha provocato l’interruzione del servizio delle Ferrovie della Calabria nella tratta compresa tra Rogliano e Colosimi. In buona sostanza, i residenti o quanti hanno interesse a recarsi col treno nei comuni di Marzi, Carpanzano e Scigliano, non potranno usufruire del servizio fino a quando non sarà ripristinato l’inconveniente, cioè per un tempo non ancora determinato. Nella zona stanno intervenendo uomini e mezzi per sistemare la ferrata e mettere la linea in sicurezza. E mentre in località Sperti il ‘collasso’ di un vigneto ha determinato il movimento franoso che ha invaso il tracciato ferroviario e distrutto diversi alberi di ulivo, più a valle, nella zona detta Timpone del Savuto, la piena del fiume ha interessato le pertinenze di una centralina idroelettrica. Nella cintura roglianese la situazione resta difficile a Parenti, dove una famiglia continua a rimanere isolata a causa dell’interruzione (in località Cutura, di Rogliano) del tratto di strada che conduce alla borgata Saliano. Da queste parti le acque del Savuto hanno travolto un ponte, spazzato via la sede stradale, semidistrutto un cantiere e causato la morte di decine di animali domestici. Il fiume ha sommerso l’area con oltre un metro di fango e detriti, cagionando danni anche al sistema di tubature per il trasporto dell’acqua nell’impianto di potabilizzazione di Piano Lago che supporta il fabbisogno idrico della città di Cosenza. L’innalzamento del livello del fiume oltre alle abbondanti precipitazioni atmosferiche di questi giorni è stato determinato dalla maggiore fuoriuscita delle acque dalla diga sul lago Savuto (Sila) e dalla abnorme portata dei torrenti. In queste ore l’ex statale 535 è monitorata da squadre dell’Ente Provincia per il pericolo di smottamenti e caduta massi in prossimità delle frazioni Mola e Balzata, mentre una grossa frana ieri mattina ha interrotto la circolazione degli autoveicoli sulla ex SS. 19, all’altezza di Fiego, a tre chilometri da Piano Lago. Un quadro molto delicato per la presenza, a monte, di una casa di recente costruzione. Anche in questo caso, il traffico è stato deviato su una strada alternativa. Ad oggi la frana è stata rimossa e la circolazione sulla statale è ripresa regolarmente. Sulla stessa statale altre frane sono venute a formarsi nel tratto compreso fra gli abitati di Marzi e Carpanzano e quello tra Carpanzano e Scigliano. In località Convento di Grimaldi, per due giorni si è temuto per la salvaguardia delle abitazioni e l’incolumità dei residenti, per via dello smottamento di un parapetto a ridosso delle case, provocato dalle abbondanti e incessanti piogge. La Protezione Civile della locale sezione ha provveduto con ogni mezzo, anche di fortuna, a deviare il flusso di acqua e fango sulla carreggiata e a tenerlo lontano dalle case. Frane e smottamenti si sono verificate anche in località Pianete, Petrunio e Serrone. Una situazione quasi al collasso che potrebbe portare al disastro se all’emergenza di queste ore non dovessero subentrare miglioramenti delle condizioni atmosferiche. Nelle zone colpite dalle calamità stanno operando personale della Provincia, dei comuni, dei Vigili del Fuoco e del Corpo Forestale dello Stato.

 

Gaspare Stumpo – Assunta Cristello

 

 

Nelle foto: gli effetti del maltempo di questi giorni.

 

 

Fonte

 

 

 

 

La frana sulla ex Statale 19 in loc. Fiego a tre chilometri da Piano Lago

 

 

 

 

 

Parenti, l’enorme alveo prodotto dal fiume Savuto

 

 

 

 

 

 

Il più antico mulino di Parenti ha rischiato di essere travolto dalla piena del fiume

 

 

 

 

Il silos di Parenti che ha subito ingenti danni

 

 

 

 

 

 

Le acque impetuose del Savuto in loc. Balzata (Rogliano)

 

 

 

 

 

 

Il torrente Mola

 

***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com