A San ValentinoÅ vicini al camino

di Roberto SOTTILE

 

QUESTO inverno lo si ricorderà soprattutto per la quantità di pioggia caduta da Dicembre ad inizio Febbraio. Del resto, la cronaca ne ha purtroppo evidenziato le nefaste conseguenze. Avevamo già scritto di meteorologia nel periodo natalizio, sottolineando che il freddo proveniente da est ci avrebbe risparmiato e così in effetti è stato. Adesso invece sta per verificarsi una di quelle condizioni che potrebbero favorire un botta di stampo invernale sulla Calabria. L’alta pressione delle Azzorre, che regola nel bene e nel male il tempo sull’Italia, si sta protendendo verso latitudini settentrionali e probabilmente si salderà ad un’altra cellula sua simile presente sulla Scandinavia. Questa configurazione con disposizione lungo i meridiani determinerà una discesa di correnti molto fredde di origine polare. Detta in breve: innesco di una vasta saccatura sul Mediterraneo, freddo, vento e anche neve alle basse quote. Dovremmo dunque attenderci cinque, sei giorni, o forse più, di inverno vero che questa volta colpirà più o meno duro la nostra regione. In queste ore, ultime piogge e fenomeni legati all’Atlantico e poi, a partire da giovedì, fase fredda ed instabile. Ovviamente è sempre difficile prevederne gli effetti in maniera particolareggiata nelle varie zone in seno alla Calabria stessa. Aspettiamo, quindi, di osservarli sul campo. Mi viene in mente un detto antico tipico delle nostre parti che recita: “Si un fa la nive u tempu un se conza”. Mai come in questo caso potrebbe essere (speriamo) veritiero!

 

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com