Ferrovie della Calabria, convocato un incontro a Cz

Si parlerà dello stato e della organizzazione dei servizi

 

I VERTICI delle Ferrovie della Calabria hanno convocato un incontro con gli amministratori locali e i rappresentanti dell’utenza per una disamina delle problematiche che hanno interessato la linea Cosenza-Catanzaro Lido dopo le gravi frane di queste ultime settimane. La riunione, che si terrà a Catanzaro il prossimo 2 marzo, sarà propedeutica alla predisposizione di un orario di esercizio straordinario che risponda alle esigenze della clientela per il periodo necessario al ripristino della linea ferrata nella parte interrotta sul territorio del Savuto. L’incontro è stato convocato anche in seguito alle sollecitazioni dei sindaci di Rogliano, Giuseppe Gallo, Mangone, Raffaele Pirillo, Santo Stefano di Rogliano, Antonio Orrico, Marzi Rodolfo Aiello, e dello stesso presidente della Comunità montana, Anna Aurora Colosimo. Gli amministratori si sono fatti portavoce delle istanze dei cittadini facendo presente la situazione di disagio venutasi a creare in seguito agli smottamenti e l’importanza del collegamento treni nella zona, in particolare per le popolazioni di montagna. Gallo, Pirillo, Orrico e Aiello, parallelamente alla vicenda del trasporto ferroviario, in una lettera inviata al presidente dell’Amministrazione provinciale di Cosenza, Mario Oliverio, hanno posto l’accento sul servizio bus fra il Savuto e l’Università della Calabria. Sono centinaia, infatti, gli studenti ed i lavoratori che ogni giorno si recano presso l’Unical, che chiedono soluzioni adeguate rispetto ai tempi ed alle modalità di trasporto. I sindaci di Rogliano, Mangone, Santo Stefano di Rogliano e Marzi hanno riproposto la questione al presidente Oliverio al fine di trovare una intesa per la istituzione di un servizio autobus in grado di raggiungere direttamente l’Ateneo attraverso l’autostrada Salerno-Reggio Calabria. “Siamo convinti – hanno detto – che questo appello che rivolgiamo a te non cadrà nel vuoto, conoscendo la tua sensibilità e l’impegno profuso in questi anni a favore dei territori più deboli”. Al presidente della Provincia di Cosenza, Gallo, Pirillo, Orrico e Aiello hanno chiesto un contributo finanziario ad integrazione di quello dei rispettivi comuni, per dare alle popolazioni del comprensorio “un servizio indispensabile che non è mai stato realizzato”.

 

 

 

Nella foto: una frana sulla linea ferrata delle FdC in territorio della valle del Savuto.

 

 

 

***

 

 

 

Gaspare Stumpo

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com