Addio a Vincenzo

di Gaspare STUMPO

SI SONO svolti ieri pomeriggio i funerali di Vincenzo Cusimano, l’operaio trentanovenne ritrovato cadavere la sera del sei luglio scorso all’interno della sua abitazione. Vincenzo, per gli amici Enzo, era molto conosciuto per l’operosità con cui affrontava la vita ed il modo di rapportarsi con gli altri. Un carattere energico ma gioviale, mai cattivo nonostante alcune circostanze difficili rispetto alle quali non aveva mai perso il legame con i congiunti e la gente del suo paese. Quella stessa comunità che sin dal primo istante della disgrazia si è stretta intorno alla famiglia e per due giorni è rimasta in silenzio, scossa e incredula, a piangere un ‘figlio’ che non c’è più. Vincenzo Cusimano lavorava presso la manutenzione comunale di Rogliano e come tanti altri precari del Savuto si dava da fare rimanendo attivo per molte ore della giornata. Conoscenti, amici e colleghi lo ricordano con l’identico atteggiamento dei minuti che hanno preceduto la sua morte: allegro, scherzoso, sempre pronto a rimboccarsi le maniche. Per tutto il pomeriggio di ieri centinaia di persone hanno reso omaggio alla salma nella chiesa di Santa Barbara in Marzi, dove è stato officiato il rito funebre. Vincenzo Cusimano lascia la moglie ed una bambina in tenera età. Saranno i risultati dell’autopsia a stabilire con esattezza le cause del suo decesso.

 

 

 

 

 

 

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com