Sottoscrizione popolare per la sistemazione del bivio

Belsito, residenti (e non residenti) chiedono maggiore sicurezza

 

UN MORTO qualche anno fa, diversi incidenti dei quali l’ultimo circa quindici giorni addietro. Per i residenti di località Surda e per molti altri cittadini è giunto il momento di sollecitare le istituzioni ad adottare le giuste misure a tutela della pubblica incolumità. E per evitare ulteriori situazioni di pericolo agendo in chiave preventiva utilizzando nuove tipologie di strutture spartitraffico, magari senza grandi investimenti economici ma con la consapevolezza di aver agito nell’interesse di tutti. Il problema è quello della strada provinciale 245 (ex SS 108) che dalla zona di Piano Lago conduce ad Aiello Calabro attraversando i territori di Belsito, Malito, Grimaldi e fungendo, in alcuni casi, da percorso alternativo al tratto autostradale compreso fra gli svincoli di Rogliano e di Altilia. Una arteria considerata di grande comunicazione che presenta punti critici all’altezza di alcuni svincoli per via del traffico intenso e per la stessa velocità raggiunta spesso dagli automezzi in transito. Come nei dintorni di Belsito, più precisamente in contrada Surda, zona residenziale situata a monte del centro storico contraddistinta dalla presenza di attività commerciali e impianti sportivi, quindi molto trafficata. In una lettera che sarà corredata dalle oltre duecento firme, i cittadini chiederanno al presidente della Provincia di Cosenza, Mario Oliverio, ed al sindaco del luogo, Antonio Basile, che nel tratto della Sp 245 che interessa contrada Surda-Bivio Belsito “vengano adottate, con la massima urgenza, tutte le misure necessarie atte a tutelare la incolumità dei cittadini stessi”. Gli interessati sperano di essere ricevuti dai responsabili delle due amministrazioni per la consegna del documento con l’auspicio che la richiesta venga presa nella dovuta considerazione.

 

 

Gaspare Stumpo

 

 

***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com