Il trasporto ferroviario al centro di un incontro

In discussione lo stato della tratta della valle del Savuto

 

LA RIUNIONE, alla quale hanno partecipato il direttore generale delle Ferrovie della Calabria, Giuseppe Lo Feudo, sindaci, amministratori e sindacalisti, è servita a fare il punto sullo stato della tratta del Savuto (area la confine fra le due province) interrotta, ricordiamo, fra le stazioni di Marzi e Carpanzano, a seguito di una grossa frana. A tal riguardo, le FdC hanno realizzato uno studio di fattibilità  per la realizzazione di un ponte in grado di aggirare il versante franoso. Nel corso della discussione è stata ribadita la funzione strategica della linea ferrata per la mobilità  e lo sviluppo del territorio montano, nonché la richiesta di un suo potenziamento con chiaro riferimento al protocollo d’intesa stipulato fra Provincia di Cosenza, Provincia di Catanzaro, Comunità  montana del Savuto, comuni e Ferrovie della Calabria. Il presidente Anna Aurora Colosimo ed il resto degli amministratori presenti, pur esprimendo un giudizio positivo sul nuovo orario, hanno evidenziato la necessità  di ulteriori attenzioni per i collegamenti che riguardano il Savuto, chiedendo all’azienda una riduzione dei tempi di attesa registrati su alcune corse e la necessità  di un collegamento diretto con l’Università  della Calabria. “Il Direttore Generale – si legge in una nota – ha confermato l’impegno di intervenire per la manutenzione delle stazioni ferroviarie e delle sale di attesa e per migliorare l’informazione agli utenti, installando presso le stazioni appositi pannelli con l’indicazione degli orari”. Le Ferrovie della Calabria hanno assicurato anche il miglioramento del servizio trasporti su gomma con la previsione di corse dirette con l’Unical. L’incontro si è concluso con l’impegno di un nuovo confronto fra le parti e l’annuncio della richiesta di incontro con il presidente dell’Amministrazione provinciale di Cosenza “in modo da interfacciare le esigenze del Savuto con il progetto del polo metropolitano di Cosenza”.

 

G. St.

 

 

 

***

 

 

 

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com