Medio Savuto, dissesto sempre più evidente

A monte della superstrada a scorrimento veloce

 

 

E’ PREOCCUPANTE lo stato di salute di una parte del versante collinare a monte della Piano Lago-Medio Savuto, la strada a scorrimento veloce il cui primo (ed unico tratto) presenta a tutt’oggi situazioni di dissesto idrogeologico, con contesti di criticità in lenta ma evidente evoluzione nei pressi della soprastante ex statale 19 (Sp 241), nella zona di tracciato abbandonato a seguito degli eventi franosi dei mesi scorsi. Grosse crepe sull’inutilizzata sede stradale denotano un processo di degrado strutturale che fenomeni meteo-climatici potrebbero accentuare favorendo, in futuro, un nuovo collasso della scarpata. Lo smottamento si trova a pochi metri dalla strada provinciale 241 da e per Carpanzano, nella stessa zona in frana dove alcuni anni addietro era stata necessaria la realizzazione di una bretella per collegare due punti della carreggiata. Al momento, sul risanamento del pendio non sembrano esserci novità. E questo in rapporto alla lunga discussione sulla problematica e alla stessa ipotesi di finanziamento per la messa in sicurezza dell’area, compreso la sistemazione ed il completamento della Piano Lago – Medio Savuto. I cittadini s’interrogano sull’avvenire di un comprensori che presenta infrastrutture obsolete, rispetto alle quali non sono auspicabili ulteriori situazioni di negatività legate all’ambiente così come avvenuto con le frane più recenti (G. St.).

 

 

 Nella foto: lo smottamento a monte della strada Piano Lago – Medio Savuto.

 

 

 

 

***

 

 

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com