Rogliano, ripristinata la viabilità  in località  Balzata

LA STRADA (Sp 242, nda) resta chiusa al transito degli autoveicoli alla periferia di Parenti a causa del grave movimento franoso avvenuto in località  ‘Fuochi’. Nelle scorse ore, ricordiamo, la piena del fiume Savuto ha semidistrutto il vecchio (e inutilizzato) ponte in ferro e lesionato quello parallelo in cemento armato realizzato negli anni scorsi sulla provinciale. La furia degli elementi ha trascinato a valle detriti e materiale vegetale, che al primo ostacolo hanno formato una sorta di diga naturale nella zona detta ‘Ischiromana’ – a valle della frazione Balzata. La portata e la violenza delle acque hanno eroso gli argini del fiume provocando crolli e danni . Sul posto sono intervenuti operai e tecnici dell’ente Provincia, ma anche esperti del Genio civile, del Demanio fluviale e dell’Università  della Calabria. Anche il sindaco di Rogliano, Giuseppe Gallo, ed il suo vice, Giovanni Altomare, hanno seguito le fasi dell’emergenza. Che ha provocato il temporaneo blocco dei collegamenti in prossimità  dell’area interessata dall’evento. Un intervento urgente (che si è concluso all’alba) ha permesso la realizzazione di una barriera composta da ottanta massi in cemento di due tonnellate ciascuno, destinata alla salvaguardia degli argini e della stessa infrastruttura viaria. L’operazione, che è stata assicurata dalla Provincia in collaborazione con il comune di Rogliano, ha scongiurato il totale isolamento della zona. In mattinata una delegazione di cittadini residenti a Balzata si è recata in municipio per ringraziare il sindaco Gallo che a sua volta ha espresso riconoscenza al presidente dell’Amministrazione provinciale di Cosenza, Mario Oliverio – “per avere disposto la immediata mobilitazione degli addetti e reso possibile le opere più urgenti”. L’emergenza sopraggiunta con la nuova ondata di maltempo e le conseguenze della piena del fiume, hanno causato ulteriori disagi alla mobilità  e situazioni di esasperazione tra le popolazioni di Parenti e Balzata. Inoltre, nuove condizioni di criticità  territoriale, torrenti ingrossati e corsi d’acqua fuori controllo, hanno precluso la viabilità  in diverse aree rurali della vallata. Nella zona detta ‘Timpone Savuto’ un traliccio dell’alta tensione è stato travolto dalle acque con grossi danni alla vicina centralina idroelettrica. In una nota di ieri, l’Amministrazione comunale di Rogliano ha confermato l’acquisizione agli atti di un decreto del presidente della Giunta regionale della Calabria, Agazio Loiero, che ha ratificato lo stanziamento di 900 mila euro per la sistemazione dei versanti montani di Balzata, località  a grande rischio idrogeologico. “Siamo sempre in attesa – ha detto il sindaco Gallo – di avere, ad oltre tre settimane dalla visita in loco del capo della Protezione civile, Guido Bertolaso, notizie ed atti circa i preannunciati interventi da effettuare lungo la Sp 242, per la soluzione della situazione di isolamento di Parenti”. “Per gli stessi motivi – ha spiegato il primo cittadino – siamo sempre in attesa delle determinazioni della task force istituita in Calabria dalla Protezione civile a fronte dell’emergenza anche per il prospettato rifacimento del ponte Savuto della Parenti-Saliano-Rogliano, reso instabile dai continui straripamenti del fiume”.

G. St.
 
Nelle foto: le operazioni di sistemazione degli argini (in sinistra idrografica) del fiume Savuto in località  ‘Ischiaromana (Balzata) del comune di Rogliano.
 
Fonte della Notizia: Il Quotidiano della Calabria.
Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com