Ospedale: il Pdl annuncia un incontro con Scopelliti

“CHIAREZZA e non indecisione”. E’ quanto hanno chiesto i responsabili dei circoli delle aree Savuto e Casali a proposito della vertenza che da più giorni sta interessando il presidio ‘S. Barbara’ di Rogliano. Nelle scorse ore, ricordiamo, dopo l’incontro fra direzione generale dell’Azienda ospedaliera di Cosenza, istituzioni locali e forze sindacali con relativo annuncio di sospensione della immediata esecutività  dell’atto deliberativo n° 331 dell’8 aprile 2010 e avvio di un tavolo di concertazione per una soluzione “condivisa” della vicenda, il centrodestra zonale è tornato a difendere il nosocomio e a chiedere la soppressione del provvedimento. “Revoca e non sospensione – hanno spiegato gli interessati – perché l’incertezza non giova alla causa dell’ospedale. Le sospensioni non servono. Servono decisioni più nette e quindi la revoca di quella infelice delibera di ridimensionamento”. Il Popolo delle Libertà  si è detto “unito” a difendere l’importanza e il prestigio del ‘S. Barbara’ e deciso a chiedere un incontro ufficiale con Giuseppe Scopelliti e Tonino Gentile allo scopo di “ricevere concrete rassicurazioni circa il ruolo di assoluta centralità  da assegnare nel futuro all’ospedale”. Nella nota di ieri il Pdl ha definito “sciagurata la politica sin qui portata avanti dal centrosinistra locale, provinciale e regionale e dal direttore generale Puzzonia”.“L’oggetto del contendere – si legge nel documento – è la posizione assunta dal direttore generale, che prima impone il ridimensionamento del ‘S. Barbara’ e poi, incontrati i sindaci del comprensorio, annuncia una misura alternativa ma temporanea”. La deliberazione adottata dall’Ao di Cosenza, ricordiamo, ha innescato forti reazioni sul territorio, con prese di posizione a sostegno della massima struttura sanitaria del Savuto che hanno coinvolto istituzioni, forze politiche e sindacali, ma soprattutto cittadini. Tutti hanno chiesto il mantenimento del presidio in quanto “ospedale per acuti” con attività  di urgenza ed emergenza, complementare all’Annunziata e al Mariano Santo, strategico per il territorio, in particolare per le popolazioni montane. I circoli di centrodestra che fanno riferimento alle realtà  della vallata e a quelli delle zone contigue hanno ribadito che è loro intenzione opporsi con tutti i mezzi.“Rogliano e i paesi limitrofi hanno bisogno del ‘S. Barbara’. Chiediamo – hanno scritto – rassicurazioni sul futuro del nosocomio al presidente della Giunta regionale della Calabria, Scopelliti, detentore della delega alla Sanità , e al senatore Gentile che ha fatto della trasparenza nel settore un preciso punto di riferimento politico”. Il Popolo delle Libertà  ha preannunciato quindi un incontro tra il neo governatore, il parlamentare cosentino e una delegazione della quale farà  parte l’ex assessore comunale Roberto Tosti, in qualità  di rappresentante del Savuto nel comitato regionale del partito. “In questa triste vicenda – hanno concluso dal Pdl – sono evidenti le responsabilità  politiche, ivi comprese quelle del sindaco Gallo informato dei fatti già  sei mesi addietro ma incapace di intervenire per tempo. E ora che gli elettori hanno bocciato sonoramente col voto la pessima politica del centrosinistra al direttore Puzzonia non resta che rassegnare autonomamente le proprie dimissioni dall’incarico”.    

Gaspare Stumpo


Nella foto: l’esterno del S. Barbara di Rogliano.

Fonte della Notizia: Il Quotidiano della Calabria.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com