Amministratori, sindacalisti e cittadini uniti nella battaglia per l’ospedale

AMMINISTRATORI locali e sindacalisti  sono sempre più intenzionati a rafforzare la posizione del territorio rispetto alle scelte dell’Azienda ospedaliera di Cosenza sul riordino del nosocomio, in particolare sulla cessazione delle attività  di Pronto Soccorso. Una iniziativa, quest’ultima, giudicata “scellerata ed ostinata mirata al progressivo disfacimento di un bene prezioso” per le comunità  del Savuto. Giuseppe Gallo e i sindaci della vallata hanno sottoscritto un documento nel quale hanno motivato la scelta di occupare simbolicamente la sede della Direzione sanitaria. “Abbiamo occupato per opporci, in modo decisivo, ad un perverso disegno che viene da lontano e che, da anni, viene perseguito per inconfessabili finalità ”. La riproposizione della delibera n° 331 dell’8 aprile 2010 e l’attuazione del suo contenuto sono ritenuti infatti “sbagliati nel merito e nel metodo”. Un giudizio condiviso anche dal sindacato, che in più occasioni ha evidenziato l’importanza della concertazione. In particolare, la segreteria generale della Cgil – Funzione Pubblica di Cosenza, ha ricordato come “il ridimensionamento o la chiusura delle strutture sanitarie deve essere accompagnato da una valida proposta di riqualificazione dell’assistenza, che punti sull’eccellenza, ma anche sui bisogni di base dei singoli territori”. Anche le associazioni presenti sul territorio hanno appoggiato l’azione intrapresa a sostegno dell’ospedale, mentre una nuova polemica è scaturita per la presunta mancata pubblicazione di un avviso interno che riguarda il conferimento dell’incarico di posizione organizzativa del servizio infermieristico e tecnico (Sitros) di Rogliano. In una lettera inviata al direttore generale dell’Ao di Cosenza, Pasquale Puzzonia, l’avvocato Franca Naccarato, a nome e per conto della Fp Cgil, ha chiesto “la immediata revoca del bando”. Che non risulterebbe “mai essere stato comunicato né affisso presso l’A.o. di Rogliano, ove i dipendenti, in possesso dei requisiti richiesti avrebbero potuto fare domanda di partecipazione” (g.st.).

Nella foto: l’incontro fra personale ed organizzazioni sindacali.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com